Convivium Voluptatis

A Volta Mantovana per rivivere i fasti del Rinascimento. Il 20, 24 e 27 giugno

Un tempo la organizzavano i marchesi di Mantova, Ludovico II Gonzaga e la moglie Barbara di Brandeburgo, per salutare l'estate. Ora, l'organizzazione della festa che preannuncia la bella stagione, spetta al comune di Volta Mantovana. Ma le cose non sono cambiate e, partecipando all'evento, si avrà la possibilità di rivivere appieno le atmosfere che nel Rinascimento si respiravano a Palazzo Gonzaga.

LA FESTA DE LO POPOLO - Grande allegria domenica 24 giugno, quando, a partire dalle 17.30 fino a notte inoltrata, nei giardini del palazzo e lungo le vie del borgo, avrà luogo una festa in perfetto stile rinascimentale. Perfetto perché la ricostruzione sarà filologicamente accurata, con tanto di spazi allestiti a giochi dell'epoca (e a cui tutti potranno partecipare liberamente), taverne e mercatini all'insegna delle antiche tradizioni mantovane. Il tutto ingentilito da musiche, danze, trampolieri, folletti e gran finale con fuochi di artificio. Ma non solo. Alle 21.30 si potrà assistere alla rappresentazione "La strana morte di Leofrico", una commedia tragicomica in un atto e tredici scene ad opera della compagnia L'Ordallelgri. E se il languorino di facesse sentire? Nessun problema. A partire dalle 19 si avrà la possibilità di degustare risotto con pesto di porco, pesci, carni, caci delle Coline Moreniche e boccali di vino delle cantine locali. L'ingresso alla manifestazione (vivande escluse) è di 3 euro.

BANCHETTI RINASCIMENTALI - E' rendendo omaggio alle maestose e sontuose cene del Rinascimento che, mercoledì 20 e 27 giugno, dalle 20.30 alle 24, prenderanno vita i banchetti a Palazzo Gonzaga. Due serate di divertimento e buona tavola, per un vero tuffo nel passato: prologo con aperitivo negli splendidi giardini, con corredo di giullari e cantastorie; e prosieguo nelle scuderie della residenza, dove gli oaspiti verranno riuniti in tavole posizionate a cerchio per meglio assistere allo spettacolo di danze, giocolieri, figuranti e trampolieri, tutti rigorosamente in costume rinascimentale. E anche al desco saranno servite ricette di quel tempo: risotto con la tinca, cappone alla Gonzaga e sella di cinghiale alle mele campanine. Poi, oltre ai sapori, non mancheranno frizzi, lazzi e la possibilità di intrattenersi con grafologi, chiromanti e cartomanti. Per saperne un po' di più sul futuro prossimo venturo. L'ingresso ala serata, comprensivo di cena, è di 35 euro (prenotazione obbligatoria).

Info: tel. 0376 839431-2, dal lunedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.00.

Correlati:

www.conviviovolta.net