Mostre Estate Milano

Estate al museo

Fino a settembre, tanti appuntamenti gratuiti (e non) nei poli espositivi milanesi

Non servono calcoli complicati per capire che anche quest'anno in molti rimarranno a Milano e dintorni nel periodo estivo. Allora perché non ritagliarsi una pausa culturale in uno dei tanti musei cittadini? Fotografia, pittura, fumetto, archeologia: il calendario degli appuntamenti è fitto e offre occasioni capaci di soddisfare anche il visitatore più esigente. Ecco i nostri consigli. 

FREE ENTRY - Dal 19 luglio all'8 settembre, grazie alla rinnovata collaborazione tra Comune e Eni, i musei civici restano aperti a ingresso gratuito, Ferragosto compreso. Approfittatene per scoprire l'Arte del Secolo breve al Museo del Novecento, che oltre ai capolavori italiani ospita anche una selezione di colorate serigrafie firmate Andy Warhol, e per tornare alle origini del Cristianesimo al Museo Archeologico, sede del percorso Da Gerusalemme a Milano. Partecipano all'iniziativa anche il Museo del Risorgimento, il Museo di Storia naturale e Musei del Castello Sforzesco, oltre all'Acquario civico, alla Galleria d'Arte Moderna e a Palazzo Morando, già a ingresso libero.

GRANDI MAESTRI - Anche per questa stagione, Palazzo Reale si conferma come una delle cornici più importanti per gli eventi culturali dell'estate milanese. Qui si possono ammirare gli scatti di Gianni Berengo Gardin, le tele del tormentato Modigliani ma anche le opere dell'eclettico Guido Crepax: se lo amate per la sensuale Valentina, lo apprezzerete ancora di più scoprendo quanto sia ricca e sfaccettata la sua produzione, esposta nei suggestivi Appartamenti di riserva. Relativamente nuove nel panorama cittadino, le sfarzose Sale del Re ospitano invece l'applaudita mostra interattiva e multimediale dedicata a Leonardo Da Vinci. Per gli amanti del design, la Triennale è ormai un must: tra le proposte del periodo, segnaliamo La sindrome dell'influenza, sesta edizione del Triennale Design Museum, e Foresta Rossa, una riflessione di Velasco Vitali sul tema della città.

FOTO, CINEMA & CO
- Chi preferisce i reportage storici o quelli sociali, può fare tappa al PAC per Rise and Fall of Apartheid, che affronta con taglio critico e originale gli sviluppi e le conseguenze della segregazione razziale in Sud Africa. Per gli spettatori più coraggiosi (e soprattutto maggiorenni), al Forma c'è Anticorpi, la sconvolgente personale del fotografo francese Antoine d'Agata. I cinefili con un debole per i gialli e per le atmosfere da brivido non possono perdere gli scatti dedicati a Hitchcock e ai retroscena di alcuni dei suoi memorabili film, in mostra nel già citato Palazzo Reale, e i manifesti dedicati a Vampiri, Zombi e Lupi Mannari negli spazi di Fermo Immagine (chiuso solo dal 12 al 18 agosto). 

Quindi, via libera alla pennicchella in giardino, al tuffo in piscina e all'aperitivo open air, ma solo dopo essersi debitamente rifatti gli occhi con tanta bellezza.