Senti che Bel Air

Lo sapevate? Le piante filtrano le insane particelle liberate dalla plastica. C'è chi ha deciso di sfruttare i loro poteri

"Bel Air è un oggetto di design che gestisce e compensa gli effetti indesiderati del design" a dirlo -  e ad averlo progettato - è il designer francese Mathieu Lehanneur. Quali sono gli effetti a cui allude? Gli elementi nocivi sprigionati dai materiali plastici, isolanti e ignifughi, dalle vernici, dalle fibre sintetiche che sono presenti in ogni ambiente domestico. A bilanciare queste emissioni ci pensa  Bel Air grazie a un sistema di filtraggio dell'aria che sfrutta... le piante. Alcune contengono infatti quegli agenti naturali in grado di ripulire l'aere che ci circonda.

Così dal 2006, mentre lo scienziato americano David Edwards studiava come funzionavano i filtri naturali presenti in foglie e radici, Lehanneur disegnava
e ridisegnava un contenitore adatto ad ospitare le amiche piante. Risultato della premiata coppia è stato Bel Air: un progetto declinato in cinque prototipi, che non ha ancora conosciuto la produzione in serie. Chissà, magari per il prossimo Natale potreste trovarlo sotto l'albero!