Compassi d'Oro 2008

Auto, orologi, sedute e yacht: ecco i prodotti più belli e funzionali del design italiano degli ultimi tre anni

L'Associazione per il Disegno Industriale (ADI) consegna ogni tre anni i premi Compasso d'Oro ai prodotti e ai progetti più meritevoli sotto il sole italiano, oltre a riconoscimenti alla carriera e alle maggior personalità straniere che operano nel campo. L'ADI è una realtà storicamente milanese, ma le nomine dei premiati per la 21ma edizione del concorso non potevano che tener conto di una grande novità. Per la prima volta una città è stata nominata capitale mondiale del Design e la scelta è caduta su Torino (premiata per le decorazioni rosse cittadine dell'Olimpiade Invernale 2006). E così, alla Reggia di Venaria Reale si svelano i nomi dei vincitori e i prodotti migliori affiancheranno quelli storici della mostra L'Oro del Design Italiano, in corso alla Reggia.

PRENDI UN LIBRO E ACCOMODATI - I premiati sono 10 e nel gruppo c'è di tutto: auto, stand, yacht e sedute. Non esiste una categoria privilegiata per incarnare funzionalità ed estetica, innovazione e fruibilità. La libreria Big, disegnata da Marc Sadler, ha una linea pulita, si monta e si fissa al muro con facilità, lascia la massima libertà nella disposizione dei ripiani. Metteteci i volumi e i raccoglitori che preferite: poi prendetene uno e accomodatevi sulla sedia a dondolo MT3 dalle forme sinuose tante care a Ron Arad, oppure assaggiate la morbidezza della sedia di Segis (R606 Uno), quasi gommosa nell'accogliere le forme di chi se la gode. Anche i bambini hanno diritto a riposarsi senza rinunciare a divertirsi: et voilà Trioli (Magis), sedia giocattolo dai tanti colori, con seduta alta o bassa - a seconda del verso - e manico sul dorso, per trasformarla nel cavallo a dondolo del 2000.

GIOCHI PER ADULTI - Impegnativo come "ninnolo" è lo yacht Shaka (Wally) con interni in fibra di carbonio e spazi pensati per garantire la massima flessibilità. Più accessibile ai desideri dei grandi l'orologio Lorenz Neos e chissà che sulle vostre scrivanie non poggi già la lampada Mix (Luceplan), sinuosa la sua linea, innovativa la sua tecnologia Led Chip on Board che vuol dare più luce con maggior risparmio energetico. Pininfarina si conferma genio italiano con il prototipo d'auto Nido. La biposto è stata ideata per soddisfare il bisogno di sicurezza e di agilità nel traffico cittadino, come dire: Smart, fatti più in là! Compasso alla carriera al buon vecchio Luigi Caccia Dominioni, al professor Renato De Fusco (sui cui libri si forma ancora una generazione di giovani designers). La premiazione del designer Tobia Scarpa mette un po' di pepe polemico: perchè insieme a lui non è stata riconosciuta Afra Bianchin, con cui ha fatto coppia (anche) professionale per un pezzo? Mistero, intanto l'inglese Terence Conran - già baronetto - creatore degli stores Habitat e Next e oggi felice (e ricco) ristoratore si gode il suo premio senza polemiche.

"NOSCE DESIGN!" - I compassi compieranno una nuova circonferenza completa nel 2011, ma intanto risuonano le parole della Presidente dell'ADI, Luisa Bocchietto : "Il design italiano non si distingue per una particolare cifra comune, come quello scandinavo per esempio: per questo è più difficile raccontarlo, ma sicuramente più esaltante". Il vice presidente Giovanni Cutolo invece incoraggia alla divulgazione e alla conoscenza del design nostro e altro: "Se vogliamo che il design cresca e migliori, dobbiamo fare i conti col mercato, seguire i consumatori perchè siano informati e sappiano cos'è il design, chi i produttori e naturalmente i designers". I Latini dicevano "nosce te ipsum", conosci te stesso. Ora conosciamo il design.