Torna Lupin III

Quarantesimo compleanno e quarta serie di anime per il celebre ladro ideato da Monkey Punch

Elegante, snello, ironico e seducente. Nato alla fine degli anni Sessanta dalla creatività del mangaka giapponese Monkey Punch, Lupin III ha conquistato diverse generazioni di adolescenti. Dal suo fumetto sono state tratte tre serie animate: quella in giacca verde (Le avventure di Lupin III, 1971); poi in giacca rossa (Le nuove avventure di Lupin III, 1977); infine, in rosa (Lupin, l'incorreggibile Lupin, 1984). E adesso, per celebrare i quarant'anni dell'anime, sulla tv giapponese arriva la quarta serie e sul web sale l'hype per i tredici nuovi episodi in onda dal 4 aprile sul network NTV. Una stagione prodotta dalla Tokyo Movie Shinsha Entertainment, celebre anche per altri fortunati cartoni animati come Lady Oscar e Occhi di gatto.

TUTTI SANNO CHE SI CHIAMA LUPIN
- Impossibile dire quando arriveranno in Italia le nuove avventure di Lupin e soci, ma dalle prime immagini dello spot si intuisce che siamo davanti ad un prodotto di alto livello, grazie alle illustri firme coinvolte nel progetto. Dalla sceneggiatrice Mari Okada (Vampire Knight, Ano hana) al regista Sayo Yamamoto (Michiko & Hatchin e storyboard di un episodio di Death Note) fino al sakkan, direttore dell'animazione, Takeshi Koikeda, che ricordiamo per le animazioni di Kill Bill e del corto Animatrix: World Record.

LUPIN E IL WEB - La quarta serie si intitola Mine Fujiko to iu onna, ovvero La donna chiamata Fujiko Mine, quasi a sottolineare il ruolo fondamentale di Fujiko (o Margot) all'interno delle nuove storie. Disegni accattivanti old style, ma più spigolosi degli originali, come si intravede nel promotrailer, ove si scorgono gli inseparabili compagni Goemon, il samurai, e Jigen, il pistolero con la sigaretta, oltre alla nemesi Zenigata, l'ispettore. Voglia di vederli? Tra YouTube, sharing e traduzioni amatoriali, per il popolo del web italiano i giorni di attesa di certo sono accorciati.