Premiato il ristorante Acanto

Re Acanto

Il ristorante del Principe di Savoia vince il Prix Villegiature

Si è aggiudicato il prestigioso Prix Villegiature quale Miglior Ristorante d'Hotel in Europa. È l'Acanto, gioiello gourmet interno al Principe di Savoia ma aperto alla città di Milano (anche grazie a un ingresso indipendente ideato dallo Studio Celeste dell'Anna Design). La ricetta vincente? Un mix di delicatezza, charme e cura per i dettagli.

Ma andiamo con ordine. Le ricette portano la firma dell'executive chef Fabrizio Cadei: piedi saldi in Lombardia, sguardo verso il Mediterraneo, una buona dose di creatività e il rispetto per la stagionalità. Mentre la selezione dei vini è opera dello chef sommelier Michele Garbuio (Miglior Sommelier d'Italia 2006) e la direzione è nelle mani di Raffaele Longo, f&b operation manager dell'albergo. Della serie, è anche la passione delle persone a fare il successo di un luogo. Che deve comunque avere il suo perché. E qui di materia ce n'è: un ambiente luminoso di giorno e d'atmosfera di sera; il gioco di continuità fra interno ed esterno, grazie a grandi vetrate sul bel giardino all'italiana; e una spettacolare cucina a vista, dove i cuochi lavorano ascoltando musica classica in filodiffusione. E poi? Ci sono le tavole, il cui corredo vanta porcellane di Limoges Bernardaud e Deshoulière, calici dei mastri vetrai Bormioli e posate Christofle Ténéré. Per un raffinato assaporare. Impreziosito anche da mensili menu a tema che, di volta in volta, omaggiano un ingrediente, un prodotto tipico o un vino.