Joy Grill

Semplice e grazioso, ecco un posticino che ha tutte le prerogative per divenire il nuovo punto di riferimento per gli amanti del kebab… e non solo

Una bontà da scoprire boccone dopo boccone. La carne proposta dal Joy Grill, (piccolo e curato punto di ristoro per mangiare, in piedi, specialità mediorientali), è davvero speciale perché fresca, genuina e assolutamente italiana. E così è nato il nuovo, piccolo tempio delle specialità libanesi in terra meneghina. Un luogo particolare, dove si viene accolti da un sorriso e da ottimi sapori. Ben lo sa l’abituale clientela milanese, ma anche tutti quei consoli arabi che spesso affidano allo staff della griglieria il catering per cene e banchetti privati.

L'AMBIENTE - Il titolare Abbas Ahmad ha centrato l’obiettivo creando un locale allegro e olorato, regno di squisitezze in versione mediorientale che colpiscono per profumi e aromi. La scelta è se mangiare sul posto oppure portarsi le leccornie tranquillamente a casa. Di certo si può assistere alle preparazioni in diretta, grazie a una cucina a vista, pulita ed efficiente. Nulla da nascondere. Tutto da esibire.

KEBAB - Lento lento, lo spiedo verticale per cuocere il vitello gira inesorabile regalando morbidissime strisce di delizia che vanno ad arricchire un fragrante pane arabo oppure un semplice piatto. Il risultato non cambia. La shawarma resta pur sempre una meraviglia da degustare, magari impreziosita da una candida e liquida salsina di sesamo qual è la tahina, oppura accompagnata da pomodoro, insalata e cipolla. Un vero e gustoso kebab.

ALTRE PROPOSTE - Ma innumerevoli sono le ricette tradizionali libanesi da provare: shish taouk, a base di tacchino, kafta, carne trita di agnello con prezzemolo, makanek, salsiccia di carne di manzo con spezie e pinoli, spiedino di carne, falafel, a base di fave, ceci e coriandolo, e dorate kebbe, ogivali polpettine realizzate con agnello e farina di grano nonché farcite con manzo e pinoli. Specialità che proseguono con gli originali ouraainab, rotolini di foglie di vite resi intriganti da riso ed erbe selvatiche, il taboule, ottimo mix di prezzemolo pomodoro, menta, farina di grano, cipolla verde e sumac e i vellutati hommos (crema di ceci, tahina, olio d’oliva e limone) e moutabal (crema di melanzane grigliate, tahina, olio d’oliva e limone). Impossibile resistere. Come non si può rimanere indifferenti davanti ad alcune pizzette che escono calde calde dal forno. Si chiamano sfiha e sambousik e nascondono un ripieno di vitello e agnello tritati il primo, e spinaci e limone il secondo.

DOLCI - Senza dimenticare dolci e dolcetti, tutti schierati in vetrina. Colorati e invitanti, sono il trionfo di sesamo, datteri e pistacchi. Barazek, maamoul, baklawa sono un po’ difficili da pronunciare ma non certo da mordicchiare. E poi appare lui, il moughli, flan a base di farina di riso cannella, amido, mandorle e pistacchio. Un capolavoro al cucchiaio da abbinare a una dissetante limonata addolcita da acqua di rosa e fiori d’arancio, o con un tè o un caffè arabo.

ORARI E PREZZI - Joy Grill è aperto tutti i giorni con orario continuato dalle 10 alle 24. I prezzi vanno da 3,10 euro per i panini a un massimo di 10,60 per un piatto unico con bevanda e caffè.