Cucinando s'impara

A Teatro7 Lab per scoprire i mille segreti dell'universo più ghiotto

A lui il sette porta fortuna. E così, dopo il ristorante Teatro7, lo chef Rico Guarnieri ha aperto il Teatro7 Lab. Ovviamente al numero civico 7 di via Thaon di Revel, con apertura sette giorni su sette. Uno spazio a metà strada tra la casa e la scuola, perché, a differenza delle più comuni scuole di cucina, gli allievi non devono confrontarsi con attrezzature professionali bensì con gli elettrodomestici Scholtès (Indesit Company), così come farebbero nella propria abitazione. Un locale dal design essenziale e pulito, con protagonista lei e solo lei, la cucina, con due banconi di cinque metri, uno dedicato alla cottura e l'altro alla preparazione finale e all'assaggio dei piatti. Infatti, dopo ogni lezione arriva la degustazione: per provare e commentare tutti insieme le ricette.

UN LABORATORIO GOLOSO - L'idea di base è quella di avere a disposizione una grande casa dove imparare a cucinare, scoprendo pregi e virtù del cibo, ma anche divertirsi, magari in compagnia degli amici più cari. Tutto sempre sotto la supervisione dello chef Rico, pronto a insegnare trucchi e segreti per realizzare pietanze leggere e al contempo appetitose, naturali nell'essenza ma anche originali nella consistenza. Realizzate rigorosamente con materie prime fresche, visto che carne, pesce, verdura, frutta, erbe e spezie sono acquistati giornalmente, al fine di assicurare qualità e genuinità. I corsi sono a tema, con inizio alle ore 20.30 e una durata di circa tre ore, e aperti a un numero di partecipanti variabile dai 12 ai 18. Gli argomenti? Spaziano dalla pasta al riso, dalle carne al pesce, dalle zuppe alle verdure passando per i dolci, il cioccolato e le tecniche di base, indispensabili per cuocere a perfezione, fruire dei giusti utensili, interpretare una ricetta e conoscere i principi nutritivi delle pietanze. Le lezioni vanno in scena il lunedì e il mercoledì. Il costo è di 50 euro cadauna (65 euro se è previsto il pesce come ingrediente), e si può partecipare anche a una singola serata, per imparare a cucinare un intero menu di quattro portate. Per poi mangiarselo. E negli altri giorni della settimana? Lo spazio può ospitare eventi di vario genere nonché cene-scuola private.

PARTNER DI GUSTO - In questa avventura non mancano certo partner d'eccezione, fornitori ufficiali di oggettistica e non. Ecco allora Scholtès per gli elettrodomestici; Kitchen Aid per impastatrici, blender e cutter; Berndes per le pentole con manici termoisolanti in acciaio inox; Wüsthof per la coltelleria e i piccoli accessori; Bialetti per vari modelli di moka; illy per il caffè (un blend dei migliori chicchi arabica); Coro Italia per gli elementi di arredo, fra cui i particolari sgabelli; Cristina per la rubinetteria; Esperya per la ricerca delle piccole produzioni gastronomiche artigianali e il sommelier Luca Sarais delle Cantine Isola per la selezione dei vini. Poi, tutto è nelle mani dei novelli proseliti dei fornelli.

NEL DETTAGLIO - I corsi sono alle porte e continueranno fino agli inizi del mese di dicembre. Queste le date per lezioni del lunedì: 24 settembre, happy hour; 1 ottobre, pasta ripiena; 8 ottobre, cucina leggera di carne; 15 ottobre, cucina leggera vegetariana; 22 ottobre, cucina leggera di pesce; 29 ottobre, zuppe; 5 novembre, biscotti; 12 novembre, corso base di pesce 1; 19 novembre, corso base di pesce 2; 26 novembre, corso base di pesce 3; 3 dicembre, corso base di pesce 4; 10 dicembre, cioccolato. Il mercoledì, invece, salgono in cattedra le tecniche di base: 26 settembre, la pasta; 3 ottobre, il riso; 10 ottobre, la carne; 17 ottobre, le verdure; 24 ottobre, gli animali da cortile; 7 novembre, il pesce; 14 novembre, le uova; 21 novembre, le torte al cioccolato; 28 novembre, i regali di Natale; 5 dicembre, menu veloce di Natale. Per sorprendere sempre gli ospiti con prelibatezze creative. 

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati