A piedi nudi nel parco

Al Teatro Manzoni con Anna Falchi fino al 28 novembre

Chissà perché se una persona dice la cosa giusta al momento giusto, se pensa le stesse cose che pensi tu, se ha i tuoi stessi gusti, le tue stesse passioni, se ti comprende, ti rispetta, ti stima e in più è dell’altro sesso, 90 volte su 100 potete star sicuri che la scintilla non scatterà. Perché a Cupido le cose facili facili non piacciono mica. Lo dimostra A piedi nudi nel parco, uno dei maggiori successi di Neil Simon, andato in scena per la prima volta nel 1963 ma ancora straordinariamente attuale e divertente.

I protagonisti sono Cori e Paul, due giovani sposini appena entrati nel loro primo appartamento, un quinto piano senza ascensore con vista sui tetti di New York. Romantico no? E’ proprio quello che pensa Corie, piena di slanci, ingenuità e allegria. Ma se la vista sui tetti si gode da un buco grosso così nel lucernario da cui nevica in salotto, più che romantico sarà scomodo, freddo e inadeguato. E’ proprio quello che pensa Paul, avvocato pieno di buon senso, ragionevolezza e self control.

Non vedete le premesse per una commedia esilarante, piena di battute irresistibili e episodi spassosi? Beh, avete visto giusto. E c’è dell’altro, aggiungete al cocktail esplosivo una suocera atterrita dalla solitudine e un vicino di casa di mezza età con un mucchio di grilli per la testa.

Aprite gli occhi! Eccovi al Teatro Manzoni, davanti ad un bravissimo Gianluca Guidi, interprete e regista, una frizzante Anna Falchi, una stralunata Erika Blank e un vulcanico Gianni Fenzi. La commedia è tutta un crescendo di situazioni, il matrimonio dei due piccioncini va in crisi dopo appena dieci giorni, il pacato Paul tira fuori la grinta, la solare Corie sfodera il suo lato musone, la suocera scopre l’amore, il vicino di casa scopre cosa vuol dire avere un alluce fratturato e noi scopriamo una commedia con tempi comici sincronizzati al millesimo, protagonisti divertenti, un pubblico incline alla risata e all’applauso, un’atmosfera trascinante e una serata che vien voglia di "bissare" al più presto. Tanto c’è tempo fino al 28 novembre!

di Claudia Bavelloni

Teatro Manzoni

Orario
Ore 20.45
Dom. Ore 15.30
Lunedì chiuso

Ingresso
Mar./Ven. Euro 28
Sab./Dom. Euro 30