Un Natale ad arte

Qualche consiglio per nutrire la mente in queste vacanze invernali

Rimanere in città non significa non potere andare in vacanza, almeno con la mente. E una vacanza per la mente può venir suggerita da qualche mostra, di grandi artisti del passato o magari un po' fuori dai canoni. Eccovi alcuni dei nostri consigli.

La più comoda e caratteristica è sicuramente la Mostra dei Presepi, alla 41° edizione, che in piazza Duomo allieta le passeggiate natalizie con presepi giunti da numerose parti dell'Italia.

Per il periodo di fibrillazione  prenatalizio che tocca tutta la collettività,  Artandgallery, con il logo No Parachute for Xmas, propone una nuova modalità d'acquisto regali e di esposizione opere. Dopo il successo delle precedenti edizioni di No-Parachute, che ha visto coinvolti artisti giovani e dinamici allestire mostre dal vivo segnalati da attenti curatori, Artandgallery propone la vendita di opere e multipli degli stessi autori, alcuni dei quali produrranno il lavoro in loco.

Se invece siete nauseati da certe falsi spiriti natalizi, Caro Babbo Natale, alla Galleria Aus 18 fino al 13 gennaio, fa per voi. Prima dell'estrema reazione urticaria, infatti, potrete opporvi al festoso clima natalizio. Recatevi all'Aus18 e troverete 33 giovani artisti che hanno rimuginato sul tema del Natale: dalla favola di Santa Claus al consumismo, dal lato pop della natività a quello tradizionalista, dal folklore alla sacralità. L'iconografia dissacrata del Natale vi farà tirare un sospiro di sollievo, sarà balsamo per i nostri arruffati pensieri. La mostra sarà accompagnata da un catalogo (con prefazione a cura di Cecilia Antolini, Silvia Bonomini e Chiara Canali), che richiama con spirito ironico lo stile ingenuo delle letterine a Babbo Natale.

Sotto il titolo ARTAUD, Volti / Labirinti il PAC Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano presenterà dal 6 dicembre 2005 al 12 febbraio 2006 un "montrage" - dalle parole francesi montage (montaggio) e montrer (mostrare) - multimediale dedicato all'artista/poeta/attore e regista teatrale Antonin Artaud (1896-1948), considerato una delle personalità più sovversive della sua epoca. Nel mondo contemporaneo, Artaud esercita un'influenza rimarchevole non solo negli ambiti dell'arte, della letteratura, del teatro e del cinema, ma anche nel campo della cultura psichiatrica. Si può dire che abbia rivoluzionato e ridefinito le nozioni stesse di cultura, linguaggio, salute mentale e arte teatrale.

Pagando esclusivamente il biglietto d'ingresso al Museo Poldi Pezzoli, i visitatori saranno accompagnati dagli storici dell'arte del Museo in un visita guidata gratuita alla mostra Il Cavaliere in nero. Per partecipare, è  necessaria la prenotazione ai numeri: 02 794889 - 02 796334. Le prossime visite guidate saranno mercoledì 28 dicembre (ore 15.00),
martedì 3 gennaio (ore 11.00), giovedì 5 gennaio (ore 12.00), domenica 8 gennaio (ore 11.00).

Sempre in zona, a Palazzo Reale stazione Caravaggio, al Palazzo Ragione, la mostra del giovane pittore siciliano Alessandro Bazan resterà aperta anche il 24 e il 31 dicembre (ore 10-13), al Castello Sforzesco, Maestri della scultura in legno non chiuderà nemmeno il 24, 26, 31 dicembre, il 2 e il 6 gennaio dalle 9 alle 17.30

Qualche gita fuori porta?
A Monza, Viaggio in Oriente a Villa Reale sarà aperta il 26 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, il 1 gennaio dalle 15 alle 18. A Bergamo War is over, alla Galleria GAMeC, potrà essere visitata il 24, 26, 31 dicembre e il 1 gennaio dalle 10 alle 19 e il 6 gennaio dalle 10 alle 22.

E che dire di una scampagnata a Brescia, visitando la via dei Musei ed entrando al Museo di Santa Giulia per scoprire i colori di Gaugain e Van Gog?


Colgo l'occasione per mandare a tutti un pensiero affinchè l'anno che verrà ci ricordi che ogni giorno possiamo compiere "una rivoluzione", anche solo sorridendo al nostro vicino di metropolitana o di scrivania.
Un grazie a tutti coloro che ci leggono e sostengono quotidianamente e che sposano la Poesia del respiro che ci fa vivere.
Forse un giorno anche Milano sarà un luogo dove i colori torneranno a risplendere, ma se spalanchiamo gli occhi, abbracciando la Vita, sono convinta che questo avverrà.

Cari auguri di Buon Natale ed un Anno pieno di gioie.