Milano, Arte Free

Percorso per le mostre a costo zero in città

A Milano l'Arte è a impatto zero, almeno dal punto di vista economico. Il primo freddo ci spinge volentieri al caldo di una galleria o di un museo, tra pareti e sale dove la ricerca aristica trova forme ed espressioni.

SCATTI D'AUTORE GRATIS - I primi passi del tour si muovono nel ramo Fotografia. Le location specializzate in esposizioni a ingresso libero sono diverse e tutte caratterizzate da proposte di qualità. Photology, MiCamera e Galleria Carla Sozzani ospitano personali e collettive d'autore, basta dare uno sguardo alle loro esposizioni più attuali: Gregory Crewdson, Pablo Chiereghin, Ray Metzker, Catherine Leutenegger. Invece White Star Adventure ci ha abituato a reportage firmati da fotografi specializzati nel catturare luci e colori della natura, o nel dare testimonianza di usi e costumi delle popolazioni di ogni angolo del mondo.

CLASSICA, SENZA SPESE - L'arte classica riporta sul calendario un bel circoletto rosso alla data del 16 novembre. Quel giorno verrà aperta al pubblico la Sala Alessi di Palazzo Marino, dove verrà esposto un capolavoro del genio lombardo Caravaggio: La Conversione di Saulo, riportato agli antichi splendori dopo i lavori di restauro. Le prestigiose sale di Palazzo Marino sono aperte a visite guidate gratuite, ogni giorno, prenotando al numero 02 88456617 . Anche la Galleria d'Arte Moderna ha l'accesso libero: fino al 14 dicembre poi, ai capolavori di De Nittis, Segantini, Marino Marini e al celebre Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, si affiancano le performance ideate dall'artista Tino Sehgal. Uno spettacolo che varrebbe il prezzo di un biglietto che non c'è, dettaglio che garantisce sempre un surplus di godimento estetico. 

GRATUITO CONTEMPORANEO - Sehgal ci conduce nei territori dell'Arte Contemporanea e tra le galleria che in città garantiscono uno sguardo sempre fresco su queasto panorama si distinguono quelle di Massimo De Carlo e Prometeogallery. Fino a domenica 16 poi, la manifestazione (con)Temporary Art muove la pacifica invasione d'Arte nel quartiere di via Tortona e dintorni, con una serie di mostre rigorosamente "free". Non si parla di arte, bensì di storia contemporanea alla Fondazione Biblioteca di via Senato, dove fino a gennaio si ricorda il decennio di contestazioni tra 1968 e 1977 nella mostra Passare il segno.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati