MiArt

L'arte invade la Fiera e non solo...

Dal 30 marzo al 2 aprile apre al pubblico l'XI edizione di MiArt, la Fiera Internazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Milano, all'interno del Padiglione 15 di Fieramilanocity, nellospazio espositivo progettato dall'architetto milanese Mario Bellini, che sarà sede anche delle edizioni 2007 (29 marzo - 1 aprile) e 2008 (10 aprile - 13 aprile).

MiArt è l'unica mostra-mercato in Italia a presentare tre distinti settori, dalle avanguardie storiche a quello che di più innovativo offre, oggi, la scena artistica.
Il prestigioso settore Moderno è riservato alle gallerie che presentano opere ed artisti dal primo '900 agli anni '60, nel quale esporranno per la prima volta la Galleria Tessa Herold di Parigi e la galleria Manuel Barbié di Barcellona.

Il settore Contemporaneo è dedicato agli espositori che espongono lavori degli ultimi decenni, mentre il settore Anteprima include le gallerie che presentano artisti emergenti under 35. Questa sezione, a cura di Roberta Tenconi, avrà per la prima volta una sua specifica short guide, nella quale verrà illustrato anche il progetto Video at MiArt, che raccoglie sedici gallerie italiane e straniere che operano con artisti video e ideato da Olivia Spatola. Un evento unico nel suo genere in Italia, reso possibile dalla collaborazione di Fondazione Stelline e del Comune di Milano Assessorato allo Sport e Giovani con Miart. La speciale sezione Art & Co. presente in Fiera dall'edizione 2004, è dedicata a quegli espositori, sia dediti al settore storico sia a quello contemporaneo, che approfondiscono la linea di confine tra arte e design, limitata ai pezzi unici e rappresentata da grandi maestri.

All'interno della programmazione prevista non mancheranno i consueti momenti di incontro e scambio tra gli addetti del settore dell'arte ed il pubblico. Ospite speciale quest'anno sarà la Cina con la presenza in Fiera di una selezione tra le più influenti gallerie con sede in Cina e sabato 1 aprile 2006 in una tavola rotonda, dal titolo Cina intra / extra Ovest, dedicata all'arte cinese contemporanea. L'appuntamento vedrà intervenire alcuni tra i più influenti artisti, curatori e collezionisti che vivono e operano tra la Cina e l'Occidente: Ai Weiwei e Huang Yongping, Hou Hanru e Li Xianting, Guan Yi e Uli Sigg, con Hans Ulrich Obrist, per delineare il quadro in cui si sta muovendo l'attuale fenomeno artistico cinese.
 
Alla massiccia presenza delle gallerie cinesi si vanno a sommare le quaranta nuove partecipazioni alla Fiera, soprattutto nel settore Anteprima, che provengono da Belgio, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Olanda, Slovacchia, Spagna, Svizzera e USA.

L'Università IULM, attraverso una collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri realizzerà, all'interno del settore Anteprima, una mostra per presentare al pubblico e agli operatori del sistema artistico il Premio New York per giovani artisti, ideato attraverso una collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e l'Italian Academy for Advanced Studies della Columbia University. Accanto all'esposizione, che raccoglie i lavori realizzati dai giovani vincitori delle scorse edizioni il primo giorno dell'apertura della Fiera al pubblico, giovedì 30 marzo, sarà possibile assistere ad una tavola rotonda tra alcuni dei componenti della Commissione Esaminatrice del Premio New York 2005 – 2006.

Lo stesso giorno, per il ciclo The Utopian display platform, incontri sull'attività curatoriale contemporanea a cura di Marco Scotini e Maurizio Bortolotti, la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA) presenta l'incontro Independent Spaces and Models of Curatorship con Peter Lewis (Londra, critico e curatore, professore alla St. Martins School of Art e alla Chelsea School of Art), Maria Lind (Stoccolma, dal 2005 direttrice dell'ASPIS - International Artist Studio Programme in Sweden) e Raimundas Malasauskas (scrittore e curatore attivo a New York che dal 995 e il 2001 ha lavorato al Contemporary Art Centre di Vilnius, Lithuania).

Venerdì 31 marzo è aperta al pubblico la conferenza-dibattito "Al cuor non si comanda? La passione e la ragione tra iconografia e ricerca nel ventunesimo secolo", organizzata da Museo Arte Paolo Pini, coordinata dalla Dottoressa Teresa Melorio (responsabile del MAPP) alla presenza del Professor Goldberg, noto neuropsichiatra statunitense dell’università di New York e di diversi ospiti. 

Sabato 2 aprile, Philippe Daverio e Jean Blanchaert saranno i moderatori di Vetro, ceramica, smalto, legno, marmo, bronzo, una giornata dedicata alle arti decorative contemporanee che invita curatori museali, artisti, artigiani esecutori, galleristi e storici dell'arte del settore a presentare il proprio lavoro, dando vita ad un dibattito.

Durante tutti i giorni di MiArt, alle 18.30, un incontro sul collezionismo atipico, una conversazione tra Alberto Fiz (critico d'arte e curatore) e personaggi del mondo dell'industria e dello spettacolo.