MiArt 2007

Dall'arte moderna all'informale, un evento originale e stimolante

ORIGINALE CONCRETEZZA - Sta per arrivare MiArt 2007, la dodicesima edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Milano all'interno di Fiera Milano City, in spazi ancora più ampi, dal 30 marzo al 2 aprile. Tante novità e conferme, emozioni per gli appassionati, ma anche molta attenzione e rigore, cercando di mantenere le caratteristiche di molteplicità dell'offerta, riconoscibilità ed originalità, per essere all'altezza delle attese di Milano, dei tantissimi raffinati collezionisti che ci vivono o di coloro che qui vogliono trovare la concretezza di un evento originale, completo e stimolante.

4 SETTORI - I quattro settori di MiArt rappresentano l'arte italiana ed internazionale dall'inizio del secolo scorso alla sperimentazione più recente, per un collezionismo con interessi ed esperienze differenti. Ma anche momento culturale ineguagliabile per la città. Il Settore Moderno, dal primo Novecento agli anni Sessanta: vengono presentate opere museali, eccellenze della produzione italiana ed internazionale dal Futurismo alla Metafisica, dal Cubismo all'Informale. Il Settore Contemporaneo, decisamente internazionale, che annovera opere dagli anni Settanta di artisti di fama ormai storicizzati. La sezione Anteprima, dove le gallerie invitate si caratterizzano per il carattere sperimentale delle proposte. Al suo interno trovano posto solo gallerie di recente costituzione che promuovono artisti under 35. Molte gallerie presenti in questo settore nelle scorse edizioni sono ora nel settore contemporaneo. La sezione Art & Co, dove un limitato e sceltissimo numero di galleristi compie un'incursione nei manufatti d'artista di alto valore artistico (dai mobili di Balla, Fontana e Giò Ponti alle lampade di Sottsass), una serie di oggetti di design in pezzi unici.

ARCIPELAGO OLANDA - Dalla scorsa edizione, MiArt ha inaugurato il progetto Paese Ospite; dopo l'ottima esperienza della Cina, che ha permesso alla fiera milanese di presentare, prima al mondo, una rassegna delle più prestigiose gallerie della Repubblica Popolare, per l'edizione 2007 si è privilegiata l'Olanda, una realtà geograficamente più vicina, ma unica nel panorama occidentale. L'Olanda, grazie infatti al sostegno dello Stato, ha saputo costruire intorno all'arte contemporanea un sistema articolato, in cui Fondazioni, enti pubblici e privati, galleristi ed artisti operano in modo coordinato per la promozione della creatività. Arcipelago Olanda è il titolo del progetto curatoriale di Marianna Vecellio che coinvolge le più prestigiose gallerie del Paese dell'ambito della sperimentazione con media diversi.

EVENTI COLLATERALI - Oltre ai convegni e alle tavole rotonde che tradizionalmente animano i giorni della manifestazione, con l'alternarsi di critici e curatori italiani ed internazionali, all'interno della Sezione Anteprima saranno allocate due mostre. La prima, curata da Maria Rosa Sossai, Jan White e da Christian Merhliot, avrà per oggetto la presentazione in loop di diversi video d'artista. La seconda mostra, realizzata con l'obiettivo di proporre al pubblico italiano ed internazionale e ai galleristi presenti in fiera, la produzione di nove giovani talenti italiani, sarà curata da Milovan Farronato, Michele Robecchi e Francesca Pasini. Confermata la presenza di direttori di prestigiosi musei internazionali, quali Maria de Corral e Vicente Todolì, e di molti collezionisti esteri.