Irlanda Verde di Vita

Arriva San Patrizio e per festeggiare si sfoglia un romanzo di Joyce, si gusta un sorso di birra, ci si perde nei versi di Yeats o alla mostra di Bacon

A molti ancora la data del 17 marzo non dice nulla, ma sono in tanti coloro che lunedì festeggeranno la ricorrenza di San Patrizio, patrono d'Irlanda. Qui da noi la festa è spesso limitata ad un sorso al gusto Guinness nei pub, per ricreare forse l'atmosfera ad alto tasso di socializzazione irlandese. Il popolo d'Irlanda è infatti considerato all'unanimità come caldo, accogliente, ospitale. Ragion per cui ogni anno, in primavera, estate e autunno, frotte di turisti partono alla ventura diretti nelle verdi lande dell'isola.

IRLANDA MON AMOUR - A confermare il successo di questa meta è lo staff di Turismo Irlandese (Piazza Cantore 4, infoline 02 48296060 – www.irlanda-travel.com), che ci spiega: "Negli ultimi anni c'è stata una crescita costante ed esponenziale degli utenti che si rivolgono a noi, o che visitano il nostro sito, per avere informazioni utili ad organizzare i propri viaggi in Irlanda. Questo grazie anche alle compagnie di volo low cost, che hanno avvicinato sensibilmente Dublino, ma anche Galway, Belfast o Cork agli italiani, considerate ormai alla stregua delle altre grandi capitali europee". Ricordiamo infatti che l'attività di Turismo Irlandese riguarda l'intera isola nel Nord Europa, Repubblica d'Irlanda e Irlanda del Nord.

PAESAGGI E CULTURA - Se i paesaggi verdeggianti e i cieli imprevedibili e blu fanno breccia nei cuori dei turisti che affollano i bed & breakfast del paese, non di meno l'Irlanda ha una ricchezza culturale che funge da calamita per chi è pronto a tour più o meno intensi nelle sue campagne e nelle sue città. Il mistero racchiuso nella lingua gaelica, ancora viva e parlata correntemente in molte aree dell’isola, e i riti celtici che hanno preceduto il cattolicesimo appartengono al passato, mentre sempre vive restano in chi le ha contrate, le pagine scritte da George Bernard Shaw, Johnatan Swift, Oscar Wilde. E poi come non vedere il verde d'Irlanda nei versi di W.B. Yeats: "Quadro e libro rimangono,/Un campo d'erba verde/Per prendere un po' d'aria,/Ora che le forze del corpo se ne vanno". Meno brillanti cromaticamente, le tele di Francis Bacon (genitori inglesi, nato a Dublino nel 1909) esposte a Palazzo Reale spiccano invece per profondo senso critico e introspettivo, analogo a quello degli scrittori connazionali James Joyce o Samuel Beckett (presso la Hugh Lane Gallery a Dublino è possibile visionare la mostra permanente di Samuel Beckett).

IL SEGRETO DEL TRIFOGLIO - L'aria d'Irlanda fa bene al cuore e allo spirito. Se a qualcuno venisse voglia di tuffarcisi nel prossimo agosto, però, consigliamo di prenotare la propria sistemazione in anticipo per non rischiare di arrabbiarsi se troverà ostelli e camere full, il popolo innamorato del trifoglio irlandese è folto: sarete in tanti. A tal proposito, una curiosità. Per chi non lo sapesse, il trifoglio e San Patrizio sono due simboli irlandesi legati tra loro. Il Patrono si servì proprio della pianticella per spiegare al popolo che cosa fosse la Santa Trinità.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati