Gli amici del Bar Margherita

Prima libro o film? La scrittura di Avati scorre tra leggerezze e nostalgie

Potrebbe essere un rompicato pensare cosa sia frullato prima nella testa di Pupi Avati. Un libro o un film all'insegna della memoria? Per Garzanti il regista bolognese ha pubblicato Gli amici del Bar Margherita (143 pp.),  che ha ispirato l'omonimo film. Nostalgia, leggerezza tra fugaci scatti di luoghi e persone per ritagliare nel tempo l'Italia degli anni '50. Il Belpaese genuino che sapeva accontentarsi di poco con la capacità di guardare avanti con spirito di determinazione. La lettura scorre veloce e Avati dimostra di conoscere bene la penna quanto la macchina da presa.