Contemporary Torino

La "madre" di tutte le manifestazioni artistiche che riscalderanno autunno e inverno della città, con qualche sorpresa

L'autunno è cominciato ormai da un po' ma per la superba Torino non c'è rischio di congelamaneti prematuri, culturalmente almeno. La stagione si è infatti aperta con una novità che terrà al caldo, coccolandola, la creatività di tutta la città nel nome dell'arte. Con la prima edizione di Contemporary Arts, l'intero Piemonte vuole portare le arti visive, la musica, il teatro, la danza, il cinema alla gente, riempiendo il calendario con iniziative che richiameranno come sirene non solo i piemontesi doc. Tanti appuntamenti dunque, che avranno come cifra comune il loro essere contemporanei, come suggerisce appunto il nuovo "marchio"coniato per l'occasione, quello di Contemporary Arts.

EVENTI AL TOP - Difficile stabilire quale sarà l'evento principale, ma certamente merita una menzione l'ormai inossidabile rassegna di installazioni luminose che aggiungeranno poesia a Torino. Si sta parlando di Luci d'Artista (dal 6 novembre), ovviamente, che al suo decimo compleanno regalerà alla vista dei cittadini opere di Mario Merz, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto e Joseph Kosuth, per citare qualche artista chiamato in causa. La fiera Artissima (dal 9 novembre) porterà una ventata di aria internazionalmente fresca sotto la Mole, mettendo a disposizione gli spazi del Lingotto per le opere d'arte contemporanea di oltre 130 gallerie di 17 paesi diversi. Per chi invece vuole andar per quei Musei "istituzionali", si sappia che in sittà si aggirano Gilbert & George. La grande mostra al Castello di Rivoli (fino al 13 gennaio) organizzata in collaborazione con la Tate Modern di Londra; Collages - Dal Cubismo al New Dada presso la GAM (fino al 6 gennaio), con opere di Picasso, Braque, Carrà, Matisse e Afro. La Pinacoteca Agnelli raccoglie invece la collezione Pigozzi, ovvero un'importante ravccolta di dipinti di arte contemporanea africana (fino al 3 febbraio).

IMMAGINI IN MOVIMENTO E NON - Stop & Go!(dal 23 ottobre) è il nome dell'esposizione dei "nuovi acquisti" video della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, lavori di artisti italiani e stranieri tra i più interessanti del momento, con tema il viaggio, il movimento e lo spazio, ma non solo. Restando in campo cinematografico, perchè non fare un salto al Museo Nazionale del Cinema? Ma attenzione, perchè ad attenderci saranno immagini sì, ma non in movimento, bensì 135 ritratti dei protagonisti della storia del cinema - contemporaneo naturalmente - immortalati da Carole Bellaïche per i Cahiers du cinéma (dal 15 novembre). Il classico Torino Film Festival (dal 23 novembre), quest'anno presieduto da Nanni Moretti, si colloca tra altre due manifestazioni dedicate alla settima arte: Golem Videofestival, tutto dedicato all'avanguardia (dal 20 ottobre) e Sottodiciotto Filmfestival (dal 6 dicembre), ideato da e per i giovani. In coincidenza con Contemporary Arts, arriva poi per la prima volta a Torino il Festival dell'Unione dei Teatri d'Europa (dal 25 ottobre), manifestazione itinerante che regalerà per due mesi gli spettacoli del miglior teatro d'arte continentale. L'edizione 2007 sarà dedicata a Giorgio Strehler, fondatore dell'UTE.

MUSICA MAESTRO! - Non vorremmo dimenticare di parlare di musica. Come potremmo quando c'è di mezzo Club to Club (dall'8 novembre), la rassegna di musica e arti elettroniche che lega a doppio filo Torino a Barcellona? Ma il legame tra le due città non è l'unico che Club to Club vuole creare: l'obbiettivo è infatti quello di mantenere un rapporto attivo tra arte contemporanea, tecnologia, cinema e musica. Sempre l'elettronica sarà protagonista all'Hiroshima Mon Amour con Onde Elettriche (dal 1 ottobre) che ospiterà i Blonde Redhead e i Klaxons, tra gli altri. Mentre sPAZIO211 live (dal 3 novembre) darà voce, letteralmente, a band emergenti dal circuito indie.

C'è chi dice che giocare a pallone sia un'arte e se Gianni Agnelli paragonò il tocco di Del Piero a quello del Pinturicchio, ci sarà un fondo di verità. E allora ecco Juventus. 110 anni a opera d'arte (dal 26 ottobre a Palazzo Bricherasio). Una bizzarra esposizione di opere dei maestri dell'arte contemporanea, come Warhol, Kline, Fontana, De Chirico poste accanto alle immagini dei momenti e dei protagonisti dell'ultracentenaria avventura bianconera. Insomma, se lo scorso anno la città fremeva per le Olimpiadi invernali, sembra che per questo autunno e il prossimo inverno nulla di ciò che passerà sotto i cieli piemontesi verrà trascurato dal fenomeno Contemporary Arts.