Made in MAD

Flamenco, Teatro, Cinema, Mostre, Gastronomia. Arriva a Milano la settimana della cultura madrilena

Hay que guapa Madrid! Brillante capitale europea, ricca di cultura e open mind. Così dinamica e fiera di sé che da qualche anno si auto celebra con il festival Made in MAD. Una kermesse itinerante, inaugurata a Barcellona nel 2007, portata a Berlino nel 2008 e che adesso arriva a Milano, dal 12 al 21 ottobre. Una settimana fra opere teatrali, esibizioni, serate gourmet e tanto altro tutto made in Madrid.

CINEMA E TEATRO – Made in MAD porta a Milano la stella del cinema spagnolo Carmen Maura, che sarà al Teatro Strehler, martedì 13, durante la proiezione del film La Comunidad di Alex de la Iglesia (inviti con Milanodabere.it). E ancora cinema con Madrid en Corto, proiezione di otto corti all'Instituto Cervantes (il 15 e il 16 ottobre alle ore 17, ingresso libero). Si passa poi al teatro: Autorretrato è lo spettacolo di flamenco di Maria Pagés allo Strehler (il 14 e il 15 ottobre alle ore 20.30; ingresso da 29,50 a 38 Euro); la drammaturgia di Pedro Calderón de La Barca rivive con la Compagnia Siglo de Oro che interpreta La vida es sueño, in scena sempre allo Strehler (il 17 alle ore 19.30 e il 18 alle ore 16; ingresso da 29,50 a 38 Euro). "Madrid è una città dove la gente ama il teatro, dal tradizionale al contemporaneo" afferma con fierezza Pablo Nogales, consulente di teatro per Comunidad de Madrid. "È grazie a Madrid che il mondo conosce il flamenco, è qui che si trova la culla dei grandi maestri" precisa con decisione Juan Verdú direttore di Suma Flamenca.

ARTE E MODA – Tanta fotografia in mostra. "Sì, è una delle forme espressive che più mi affascinano" ci racconta Carlos Urroz Arancibia, consulente artistico per Comunidad de Madrid. Aquí, 4 fotógrafos desde Madrid è l'esibizione in calendario all'Instituto Cervantes (dal 14 ottobre al 15 dicembre, ingresso libero). Gli scatti Testimoni/Testigos di Pierre Gonnord, fotografo francese, madrileno d'adozione dal 1988, uno dei principali ritrattisti della fotografia contemporanea, sono ospitati al Centro Forma (dal 15 ottobre al 22 novembre, ingresso 7,50 Euro). Da Assab One, Fabio Paleari racconta la sua Madrid nel ciclo Lo que dura un sueño insieme alle opere di Peter Wuethrich dalla raccolta Los Angeles de Madrid (dal 16 ottobre al 6 novembre, ingresso libero); e ancora una quarta inaugurazione alla Galleria Carla Sozzani con Acaso di Javier Vallhonrat (dal 17 ottobre al 22 novembre, ingresso libero). Alla fotografia, si aggiunge poi la personale della scultrice Cristina Iglesias, in corso alla Fondazione Arnaldo Pomodoro fino al 7 febbraio. Arte sartoriale in mostra da Agatha Ruiz de la Prada che questa sera presenta una selezione di abiti che hanno sfilato durate la settimana della moda di Madrid, una manifestazione che quest'anno festeggia il suo cinquantesimo anniversario (ingresso solo su invito).

MADRID A TAVOLA – Madrid è bella. E anche buona. Ce la racconteranno a tavola i due grandi chef Paco Roncero e Joaquín de Felipe, a Milano dal 13 al 17 ottobre. I due maestri cucineranno in tandem con gli stellati Carlo Cracco e Pietro Leemann presso i rispettivi ristoranti Cracco e Joia. Il costo delle degustazioni complete è di circa 70 Euro.

Correlati:

www.madeinmad.com