Museo Nazionale del Cinema 2.0

Dalla Mole Antonelliana al web senza perdere neanche una briciola del suo fascino

Se non ci si è mai stati, invoglia ad una visita non solo virtuale ma in carne e ossa: il nuovo sito del Museo Nazionale del Cinema di Torino è online dal 29 ottobre e stuzzica anche il cinefilo più pigro a scoprire i tesori che custodisce. Aperto da più di 50 anni, il Museo occupa la Mole Antonelliana dal 2000, a partire dal pian terreno riservato all'accoglienza su per la Mole in una struttura - pardon scenografia - pensata da François Confino. Ora, anche chi non ha mai visto le sue sale può farsi un'idea grazie a Vertical Dreams, la sezione che sviluppa un tour del Museo.

ASCENSORE VIRTUALE - Se per salire i piani della Mole si prende un ascensore in cristallo, Virtual dreams permette di "sfogliare" le sale del Museo per vedere memorabilia come sciarpa e cappello di Fellini o il mantello di Superman, come pure le locandine di film dal Gattopardo a Pulp Fiction, e "muoversi" tra scenografie ispirate ai grandi temi e generi della settima arte. Una sala ha in serbo per il visitatore delle chaises longues al posto delle canoniche poltrone da cui guardare tre film (questi non disponibili online): una selezione di immagini sul cinema muto torinese e altre due montate invece da Gianni Amelio con le più belle sequenze di ballo nei film italiani.

LA LOCANDINA ME LA FACCIO DA ME - Il nuovo sito arriva nel mezzo dei lavori di digitalizzazione delle collezioni del Museo che permetteranno a curiosi e studiosi di conoscere a distanza le sequenze, i manifesti, le photogallery dei film del passato. Tra gli altri servizi offerti, l'acquisto di libri e dvd editi dal Museo e presenti nel bookshop, i biglietti di ingresso per la Mole Antonelliana e per il Cinema Massimo, la multisala poco distante dal Museo e da cui è gestita. Una piccola traccia di Milano è presente grazie alla collaborazione con Università Cattolica che cura il Seminario permanente delle teorie del cinema insieme alla Columbia University di NY. Più fuori dalle righe il Fantamanifesto, che permette anche all'utente più inesperto di programmi come Photoshop di realizzare una locandina tutta per sè.

LOCALE E GLOBALE - Ovviamente non mancano le segnalazioni di incontri, mostre, rassegne e festival torinesi, a partire dall'imminente Torino Film Festival (dal 13 al 21 novembre), mentre la sezione Universo cinema apre alla costelazione delle manifestazioni cinematografiche di tutto il globo o quasi.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati