Harry Potter: sesto capitolo

Primi, sfiziosi antipasti di visione per gli amanti del maghetto alle prese con il misterioso Principe Mezzosangue

Era il 21 luglio dello scorso anno: folle di fans di ogni età si aggirava intorno agli scaffali delle librerie per accaparrarsi l'ultimo Harry Potter, quello che "sopravvive o muore?", quello che "sarà davvero l'ultimo?", insomma, il romanzo di J.K. Rowling intitolato The deathly Hollows (poi tradotto in I doni della morte). Già dodici mesi sono passati ed ora ecco le prime immagini del film del sesto capitolo della serie: Il principe mezzosangue.

TRIADE IMPRESCINDIBILE - Avevamo lasciato Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint (Harry, Hermione e Ron) nuovi attivi membri dell'Ordine della Fenice, impegnati a combattere il Signore Oscuro Lord Voldemort e a coinvolgere tra mille impicci i compagni di Hogwarts nella resistenza. Nel frattempo, zitto zitto, Radcliffe si è dato al teatro, nel ruolo di un ragazzo con problemi psichici in Equus, ruolo che proprio sotto silenzio non poteva passare considerando le scene di nudo di colui che tutti ormai considerano il maghetto Potter in carne ed ossa. Grint dichiarò in alcune interviste di godersi la fama (specie le sue conseguenze sul pubblico femminile) e ha recitato in In viaggio con Eve (2005). L'anello debole della triade di giovani attori sembra essere Emma Watson, che rumors e qualche dichiarazione della medesima in passato hanno fatto temere una sua diserzione dal cast dei prossimi film.

IL SESTO CAPITOLO - Già, perchè se i romanzi della Rowling furono 7, i capitoli cinematografici potrebbero essere otto, poichè Le reliquie della morte potrebbe essere diviso in due parti: troppo ricco e complesso per raccontarlo in un solo film. O forse è semplicemente un espediente proprio per spremere meglio il fenomeno Potter al botteghino. In ogni caso Il principe mezzosangue sarà diretto ancora una volta a David Yates, che succede a Chris Columbus ritenuto adatto alle atmosfere distese dei primi due Potter, al tormentato Alfonso Cuaron (I figli degli uomini), Mike Newell (Quattro matrimoni e un funerale). La pellicola dovrebbe uscire a fine novembre, cavalcando l'onda natalizia. In attesa di saperne di più, ecco le foto in cui in effetti gli studenti della scuola di magia sembrano tanto cresciuti da non stare più nella divisa. Zero rischio invecchiamento per Minerva McGranitt: la Gazzetta del profeta sostiene si sia tenuta un pezzetto della pietra filosofale. A ciascuno il suo botox.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati