Film da Weekend

Volver - il ritorno, Il Codice da Vinci, Mission Impossible 3

Volver, Tornare - Pluripremiato all'ultimo Festival di Cannes, Volver - Tornare di Pedro Almodovar segna il ritorno del regista spagnolo ad una oleografica drammaticità della vita con assoluti sprazzi di fresca commedia. Lo spettatore, al termine del primo tempo, si rende conto di trovarsi di fronte ad un doppio film. Nella prima parte, dal sapore di commedia surreale, Raimonda e sua sorella Sole iniziano a fare i conti con il proprio passato. Tuttavia, è nel secondo tempo che i nodi vengono al pettine e così “i fantasmi del passato” ritornano ad essere vivi più che mai per far riaffiorire amarezze, dolori mai dissolti. Ancora donne e solo donne in questo bel film di Almodovar, dove gli uomini sono messi in posizione marginale, di ineccepibile fragilità. Brava Pénelope Cruz e tutto il cast che la accompagna.

Il Codice Da Vinci - Il corpo del curatore del museo di Louvre viene trovato morto nella stessa posizione dell’Uomo di Vitruvio di Leonardo. Toccherà a Tom Hanks, nei panni di un esperto americano di simbologia, contribuire a risolvere il rebus. Più di due ore di film per portare sul grande schermo il contestato libro che ha lasciato col fiato sospeso mezzo mondo, giocando con abilità tra finzione e realtà, tra falsi miti e pagine di storia. Il peggiore film di questa stagione cinematografica è privo di regia, annoia lo spettatore con banali colpi di scena. Tom Hanks si sente disorientato, in quella che forse è la peggiore interpretazione della sua carriera. 

Mission Impossible 3 - Provate a fermarlo se ci riuscite il bel Tom Cruise alle prese con un’altra delle sue missioni da capogiro. Mission Impossible 3 di Jeffrey Abrams, un misto di thriller, avventura e azione, è il un altro sequel di quella che oramai è diventata una saga irrinunciabile. L’agente segreto Ethan Hunt, poco tempo prima del suo matrimonio, è reclutato per un nuovo incarico molto pericoloso. Al centro dell’azione un complotto letale tramato da uomini senza scrupoli, di cui alcuni infiltrati nella stessa rete dell’agente segreto. Il ritmo non manca nelle diverse location dove si snocciola la storia: c’è anche il blindato Vaticano come sfondo ad una parte del film. Non è un capolavoro ma semplicemente un film d’azione ben congeniato.