Chi gusta a Capodanno...

Chic, rustico o creativo. Il cenone è servito

Magiche atmosfere, mise en place raffinate e pennellate di rosso. La notte di San Silvestro la tavola si veste a festa con un pizzico di scaramanzia. Ecco i ristoranti dove salutare il 2012 e brindare al nuovo anno tra cotechino, lenticchie e panettoni farciti.

CHIC & GOURMET - Elegante e ricercato è il San Silvestro dell'Acanto, oasi gourmet del Principe di Savoia. La musica dal vivo e una selezione di champagne e vini pregiati accompagnano il menu ideato dallo chef Fabrizio Cadei. Ecco allora che il carpaccio d'astice, il caviale gelé al mandarino e i fiori eduli fanno la gioia di vista e palato. I ravioli del plin si impreziosiscono con granchio reale, finferli e tartufo nero di Norcia, mentre un gioco di consistenze e di sapori marini prende vita nel filetto di branzino, servito con gamberone croccante, lattughino orientale e bottarga di tonno. Si conclude in dolcezza, con il dome al cioccolato dall’esotico cuore al frutto della passione, avvolto dalla mandorla e dal profumo di lavanda. Al Magiono, spazio rural-chic dell’Hotel Mulino Grande di Cusago, il cenone è animato da un originale spettacolo di mentalismo. E così, fra gesti, parole e pensieri, sfilano piatti che navigano per mare e camminano per la campagna: terrina di fegato d'oca con pan brioche e marmellata di cipolle rosse, polipo arrostito con burrata e crema di acciughe, cannelloni al nero di seppia con granseola e crema di finocchio, branzino con cime di rapa e salsa agli agrumi. Aura salottiera all’esclusivo Casanova del Westin Palace, dove l’executive chef Maurizio Tombolato propone pregiate delizie ittiche. Ostriche e champagne danno il benvenuto, mentre le perle di caviale arricchiscono l’antipasto di gamberone e noci di capesante con salsa d’astice. Il filetto di San Pietro inebria il palato con sentori freschi e speziati, fra gamberi in guazzetto di agrumi e anice stellato.

MARINO & CREATIVO
- Musicale, colorato e fantasioso è il Capodanno proposto da Le 3 Melarance, dove un live set accompagna piatti di cucina mediterranea, interpretata con un pizzico di estro. Ecco allora che l’ostrica si tinge di rosso con le pepite di melagrana e le capesante si trasformano in una nobile parmigiana su coulis di pomodoro. Il filetto d'ombrina danza tra sfumature contrastanti, avvolto dal sale nero e circondato dall'insalata di arance, mentre il tradizionale cotechino con le lenticchie è rivisitato con purea di castagne. Note aromatiche, frutta esotica e tocchi creativi sono gli ingredienti del menu orchestrato dallo chef Nicola Colella al Mosto Selvatico. E così, il frutto della passione fa capolino tra i gamberi rossi, la salsa d’avocado prende per mano la tartare di tonno e di ricciola e lo sfizioso fiore di zucca è servito in tempura, ripieno di stracciatella e scampo di Mazara del Vallo. Il risotto agli scampi profuma di mentuccia e caffè, mentre il regale turbante di spigola è presentato con scampone imperiale, olive taggiasche e Vermentino. Porta in tavola la brezza del mare il San Silvestro del ristorante Al Cellini, dove è di scena un tripudio di sapori ittici, fra crudité, insalata calda di spada con avocado e pinoli, totanetti farciti, risotto alla pescatora e filetto di spigola in crosta di patate con caponata di melanzane.

RUSTICO & DECISO
- All'Antica Osteria La Rampina di San Giuliano Milanese, prendono vita due percorsi gastronomici. Nell’area ristorante il Capodanno è ritmato dal sapore deciso di portate come il salmone scozzese affumicato casereccio, la crema di castagne e aneto, il flan di cardi e bagna cauda, l’astice gratinato alla Thermidor e il capriolo alle erbe fini di montagna in salsa di Lagrein. Nel salone delle feste, tra balli e musica dal vivo, si festeggia con torta di speck, patate e fondue di robiola, medaglioni di vitello annegati con cardi e carciofi e risotto al succo di barbabietola con fonduta di grana e spumante. Al Barbacoa San Silvestro si colora di verdeoro con il piacere della carne al churrasco. Un ricchissimo buffet fa da sfondo al gustoso rito del rodizio brasiliano, una sontuosa sfilata di picanha, scamone, biancostato e controfiletto di manzo in salsa di Gorgonzola, magatello al forno ripieno, spalla di agnello e maialino alla griglia. È un tango di sapori il menu proposto dall’argentino Mister Angus, dove è protagonista la carne di razza aberdeen angus declinata in roast-beef con salsa al tartufo e melograno. Oltre a golose portate come il fagottino ripieno di Pata Negra e provola affumicata o la crespella gratinata al carciofo e crema di Brie.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati