Un cocktail per l'estate

Liquide creazioni per sorsi rinfrescanti

Anche d'estate la Milano da bere shakera. In occasione della recente drink competition organizzata dal giovane e dinamico staff di Uainbar, supervisionato dall'energica barlady Paola Zabrak, un gruppo di sette bartender si è sfidato a bordo bicchiere a colpi di esercizi di stile. Partendo da una serie di ingredienti (rigorosamente senza marchi) sono stati concessi 5 minuti di tempo ai bartender per creare un cocktail "improvvisato", raccontandolo fra ingredienti, dosi e spunti creativi. A distinguersi è stato Michele Piagno, 29 anni, insegnante della Flair Academy. Il giovane ha conquistato la giuria tecnica di giornalisti e quella popolare di clienti, in perfetto accordo fra loro, con uno speziato longdrink, il Mexican Honey: tequila, miele, limone spremuto, cetriolo e sedano con top di birra, menta shakerata e rosmarino bruciato per liberare gli oli essenziali. Un piacevole colore giallo paglierino per un gusto fresco, dalle note dolci ma non troppo.

Giuseppe Cannizzaro
, del Caffè Sette Chiese di Bologna, ha proposto il Mama Dahikiri, con rum scuro, liquore alla vaniglia, succo di limone, sciroppo di zucchero e arancia bruciata. Mattia Corunto ha invece sperimentato il suo Pink Mama, che mixa bacche al pepe rosa, marmellata di arancia, lamponi e mirtilli e sweet and sour, per nuance fruttate e molto dissetanti.