Un bar regale

Al Principe di Savoia batte un nuovo cuore mondano

Calde tonalità arancio e cioccolato. Tavolini e boiserie in legno di ciliegio. Sedute in pelle e velluto. E un'avvolgenza che si fa accoglienza. Il Principe Bar è il nuovo atollo mondano di Milano: al centro, un'isola che si sviluppa intorno a un antico pianoforte a coda e a una moderna consolle; intorno, un mare di pouf, poltroncine e divanetti che vanno a creare un ambiente dinamico e affascinante. Uno spazio classico e contemporaneo al tempo stesso, interno all'Hotel Principe di Savoia ma aperto a tutti coloro che vogliono trascorrere una serata di tendenza.

OVATTATA OASI - A progettare la location? Il celebre architetto newyorkese di origini francesi Thierry Despont, capace di esaltare l'italica artigianalità grazie al sapiente utilizzo di stoffe, materiali e installazioni di provenienza nazionale. Ecco allora i collage di Mimmo Rotella; le cristalline trasparenze che fanno da sfondo alla bottigliera; i coloratissimi listelli in vetro di Murano che rivestono il bancone bar; e lo scenografico lampadario a soffitto formato da tremila pezzi unici in vetro soffiato dai mastri muranesi. Gli stessi che hanno realizzato la coppetta-calice firmata dal designer Robert Du Grenier. Perfetto scrigno per i principeschi cockatil ideati dal bar manager Enzo Mirto, colui che ha avuto l'onore di shakerare per Madonna, Robert De Niro e Quentin Tarantino.

FRA SUONI E SORSI - Mister Mirto ne inventa di tutti i colori. E di tutti i sapori. Per questo la lista dei cocktail si rivela sempre ricca di sorprese da sorseggiare. Quindi cosa sperimentare? Senza dubbio le tre giovani creature appena venute alla luce, figlie di ingredienti spesso usati in cucina: il delizioso e divertente Hypnorita, a base di Hpnotiq (mix di succo naturale di frutti tropicali, vodka premium e un tocco di Fine Champagne Cognac) miscelato con tequila bianca, succo d'ananas e lime (decorato con stirrer luminoso); il goloso Vanilla Dream, ovvero tequila al caffè miscelata con liquore alla cannella, gelato alla vaniglia e zucchero liquido infuso con rosmarino (presentato con gelato alla vaniglia e caramello); e l'esclusivo Oyster Martini, ossia Vodka Stolichnaya Elite miscelata con Dry Martini, succo di limone e pepe fresco, e il tutto impreziosito da un'ostrica fresca. Drink ideali da soli oppure per l'aperitivo (a partire da 15 Euro), con corredo di raffinati stuzzichini, preparati dallo staff dello chef Fabrizio Cadei. Prelibatezze come anacardi tostati alle erbe, olive, piccole arancine, soffici pizzette, mozzarelline in carrozza, mini capresi con pesto di basilico, insalatine di polpo con fagiolini e creme di cannellini con pollo. Da assaporare mentre dj Gioia alla consolle orchestra il sound (dal martedì al venerdì), in un crescendo che dalla musica lounge, soul e house si spinge fino a note più energiche e vibranti. Il Bar Principe è aperto dalle 18 alla 1.30.