L.O.V.E.! O forse no

Il dito di Cattelan in Piazza Affari potrebbe diventare un monumento permanente

I manichini che aveva appeso qualche anno fa in Piazza XXIV Maggio erano rimasti lì solo un giorno. Ora l'irriverente artista Maurizio Cattelan aspetta di conoscere il destino di L.O.V.E., il provocatorio dito medio in marmo eretto lo scorso settembre in Piazza Affari. La statua sarebbe dovuta restare davanti alla Borsa solo qualche mese, ma già Letizia Moratti e Massimiliano Finazzer Flory avevano fatto intuire la possibilità di renderla permanente. Mentre la questione è al vaglio della giunta Pisapia, l'autore ribadisce la volontà di regalarla a Milano, a patto che rimanga dov'è. E qui i pareri si dividono: c'è chi vorrebbe venisse rimossa e chi ne coglie l'aspetto eversivo e innovativo, dando a Cattelan il merito di aver cambiato volto a una piazza usata fino a quel momento come parcheggio. L'assessore alla Cultura Stefano Boeri sembra deciso a non farsi scappare l'occasione: "Non vorrei trovare tra qualche mese quest'opera nella piazza di un'altra città...c'è chi non aspetta altro che prendersela". Milano cosa aspetta?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati