Libreria dello Spettacolo a Milano

Dietro agli atti teatrali, al cinema e alla musica, la parola vive una nuova mutazione, da scoprire

Sulle grandi scene epiche, nelle sussurrate violazioni amorose, fra le vie di città appena illuminate, il cinema si è accompagnato a testi e racconti che hanno reso la settima arte una delle più complesse e ricche. Nelle più romantiche epopee create sul palcoscenico e nei violenti drammi che da sempre vivono nella nostra memoria, la parola ha avuto il compito di guidare le emozioni.

Questo tesoro è celato nella prima Libreria dello Spettacolo, fondata nel 1979 da Cristina Spigaglia, e nascosta nelle vie di Corso Magenta. Discreta e nobile come l'arte stessa impone, questa libreria evoca l'atmosfera di ricerca e passione che sta dietro al mondo delle danza, del teatro, del cinema e della musica lirica. Materiali introvabili e ricercati sono il passpartout di un luogo intellettuale, dove scoprire fra sceneggiature di Truffaut, libretti di Massenet, monologhi di Franca Valeri e tecnica della Graham un mondo di bellezza e dolorosa formazione verso la perfezione. Riviste d'epoca e curiostà tecnico/stilistiche completano un repertorio ricco e introvabile, da maneggiare con cura.

La Libreria dello Spettacolo è aperta dal martedì al sabato dalle 9.30 alle ore13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00. Chiusa domenica e lunedì mattina.