Login | Registrati

Salvador Dalì Milano

Newsletter Lavoro Contattaci Pubblicità

Mostra Salvador Dalì, Milano

ATTENZIONE: Evento scaduto
Caratteristiche:
Mostra Pittura
Data:
Dal 22/09/2010 al 30/01/2011
Telefono:
Visualizza 02 54913 - Visto su Milanodabere.it
Indirizzo:
Piazza del Duomo, 12
20121 Milano (MI) Apri Mappa
 
Orario
Lunedì dalle ore 14.30 alle 19.30; da martedì a domenica dalle ore 9.30 alle 19.30; giovedì aperto sino alle ore 22.30. La biglietteria chiude un'ora prima
Ingresso
Euro 9,00
WWW
Mostra
Pittura
Pubblicità su Milanodabere.it
Promuoviti su Milanodabere.it ed acquisisci nuovi clienti
Segnala Errore
Aiutaci ad avere le informazioni costantemente aggiornate

Con "Il sogno si avvicina", l'artista ritorna a Palazzo Reale dopo 50 anni dall'ultima personale

Il genio visionario di Salvador Dalì è protagonista della stagione espositiva 2010 di Palazzo Reale. La mostra Il sogno si avvicina indaga il rapporto del grande artista spagnolo con il paesaggio, il sogno e il desiderio. Per la sua realizzazione, fondamentali la collaborazione con la Fondazione Gala-Salvador Dalí di Figueras e i prestiti dal Reina Sofia di Madrid e altre istituzioni museali.

Quello di Dalì a Milano è un ritorno: l'artista spagnolo manca dalla città dal 1954, quando si svolse una sua personale nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale , Sala da cui trasse ispirazione per la sede della sua casa di Figueras, oggi sede della Fondazione Gala-Salvador Dalí. L'allestimento della mostra sarà a cura dell'architetto Oscar Tusquets Blanca, amico e collaboratore del celebre artista.
Nel percorso della mostra sarà fruibile il cortometraggio Destino di Salvador Dalì e Walt Disney, mai proiettato prima in Italia: Dalí lavorò al fianco di Disney tra il 1945 e il 1946 ma il film fu completato solo nel 2003; espositi anche alcuni dei disegni originali creati per il corto.

Commenti
Presenti 44 commenti. Inserisci il tuo commento
Di Kristina postato il 01/02/2011 16:08:22
A me invece è piaciuta molto. Abbiamo prenotato i biglietti prima tramite l'internet evitando così le lunghe code, quindi ci hanno fatto entrare subito. I quadri secondo me erano disposti molto bene, l'effetto particolare faceva l'illuminazione e il colore diverso delle stanze. Forse mancavano le opere più famose, però anche quelle che ho trovato mi sono piaciute molto.
Ci tornerei volentieri.
Di Johnny postato il 26/01/2011 15:51:39
Decisamente deludente! Poco spazio, poche opere, rumore di trapani e soprattutto troppe scolaresche (anche nel orario pomeridiano). Decisamente mal organizzata; per non parlare poi dello shop: volevo prendermi un paio di stampe, tutte esaurite! Nulla a confronto delle mostre organizzate a Palazzo Grassi a Venezia o a Firenze. Peccato...
Di debora postato il 24/01/2011 11:10:01
grande delusione .................... poco spazio per vedere le opere e troppa gente, in più la domenica mattina un bel gruppo di bambini con tanto di guida che oltre a commentare a voce molto alta ti passano anche sopra per mettersi in prima fila .............
commenti delle audioguide inutili
Di Michela e Francesco postato il 17/01/2011 22:03:41
Dopo due mesi di attesa e di lunghe code, finalmente siamo riusciti a vedere questa stupenda mostra. Non sono concorde con alcun commento negativo, illuminazione perfetta e opere ben disposte... l'unica pecca, come sempre avviene in Italia, l'impossibilità di fare foto, invitando così calorosamente all'acquisto (non a buon prezzo) del catalogo!!!
Di silvia zanchi postato il 30/12/2010 21:50:35
peccato .... le opere molto belle, esposte in modo indecoroso...illuminazione pessima,ambientazione scontata ,supporti audio video confusi e sovrapposti.... per essere gentili, .... un insulto all'arte e all' intelligenza del pubblico .
Di Emiliano postato il 19/12/2010 22:45:15
Appena rientrato da questa emozionante visita, non ho riscontrato alcun problema o disagio citati su alcuni commenti e tantomeno coda al freddo se si va in orario "strategico".
Devo dire splendida!
di un artista unico!

Di ema postato il 14/12/2010 20:00:20
ciao io vado domani con la scuola.... sono davvero entusiasta all idea!!!sono un po' preocccupata per le code...potrebbe scapparmi la pazienza...baci
Di gabriella postato il 13/12/2010 17:01:03
Sabato 11 pomeriggio, 11 persone, 1 h e 45 minuti al freddo dopo il nostro orario di ingresso(17,30), mentre facevano entrare chi non aveva prenotato.
Entri, dopo aver rimandato l'appuntamento per la cena, ti aspetti una ressa incredibile, altrimenti non ti tengono fuori no? No, niente ressa, e due quadri al buio, compreso quello con cui viene pubblicizzato. Veramente organizzato con i piedi!
Di Vittoria postato il 13/12/2010 17:00:12
Sabato 11 pomeriggio, 11 persone, 1 h e 45 minuti al freddo dopo il nostro orario di ingresso(17,30), mentre facevano entrare chi non aveva prenotato.
Entri, dopo aver rimandato l'appuntamento per la cena, ti aspetti una ressa incredibile, altrimenti non ti tengono fuori no? No, niente ressa, e due quadri al buio, compreso quello con cui viene pubblicizzato. Veramente organizzato con i piedi!
Di Vittoria postato il 13/12/2010 16:59:46
Sabato 11 pomeriggio, 11 persone, 1 h e 45 minuti al freddo dopo il nostro orario di ingresso(17,30), mentre facevano entrare chi non aveva prenotato.
Entri, dopo aver rimandato l'appuntamento per la cena, ti aspetti una ressa incredibile, altrimenti non ti tengono fuori no? No, niente ressa, e due quadri al buio, compreso quello con cui viene pubblicizzato. Veramente organizzato con i piedi!
Di Marco postato il 12/12/2010 22:47:32
Dopo 2 ore e 45 minuti di attesa al gelo, senza nessun tipo di informazione sui tempi di attesa, finalmente eccomi alla mostra, ma
1. le opere sono poche
2. troppi gruppi sovrapposti, molte persone davanti i quadri, quasi si sgomita per vedere le opere
3. si arriva davanti il quadro forse più celebre della mostra"Idillio atomico e uranico melanconico"e..è completamente al buio (lampada bruciata!)
Di Lara postato il 12/12/2010 14:57:32
ciao!abbiamo visto la mostra ieri pomeriggio:
- organizzazione pessima, 1 ora di coda al freddo anche con la prenotazione
- mostra con poche opere, mancano opere significative...e scandaloso il fatto che alcuni quadi fossero male illuminati!!!
-una delle poche note positive atmosfera bella e bello il gioco di colori delle varie sale
non ci tornerei!
Di Giacomo postato il 12/12/2010 10:24:27
Purtroppo non mi sono potuto godere la mostra perchè ero stravolto da 4 ore di fila e litigi vari con "responsabili" vari
Penso a chi dopo 3 ore di fila è stato mandato a casa e mi domando ancora di più quale sia il quoziente intellettivo di certa gente: non credo ci voglia una laurea per capire, dopo 2 mesi di mostra (diciamo 8 sabati come quello di ieri),che forse è il caso di cambiare qualcosa
Di antonietta postato il 26/11/2010 18:47:11
ieri mi ha sconvolto l'incontro fortuito con una guida che mostrava davanti al Crocifisso, alzando un cartoncino di piccole dimensioni un altro Crocifisso, che mi auguro almeno fosse anch'esso di Dalì, commentandolo come più originale di quello in mostra e liquidando il cortometraggio Desiderio come una cosa da bambini
... poi per fortuna l'ho persa ma dove le trovano? e le pagano anche?
Di ileana postato il 23/11/2010 11:50:50
Leggo i commenti,anche a me è capitato a Treviso stessa sorte riguardo la prenotazione con relativa coda.
Mi chiedo a che serve chiedere un commento (è spesso disappunto) se:
1) nessuno dell'organizzazione pubblicamente si scusa, educazione vuole che....
2) nulla cambia, nell'organizzazione, rispetto a mostre viste 4/5 anni fa
3) tt gli italiani sono forse stupidi?
Di pasqua postato il 22/11/2010 11:52:43
mostra stupenda!!!!complimenti al curatore che è riuscito a trasmettere il mondo di Dalì e l'evoluzione della sua arte anche attraverso le opere minori. Mostra imperdibile!!....ma prenotate e scegliete orari diversi dal solito, c'è un afflusso incredibile ma assolutamente comprensibile. E UN'ESPERIENZA CULTURALE COSì RICCA CHE SI FA PERDONARE PIU' DI QUALCHE MANCANZA ORGANIZZATIVA
Di Erminio Ottone postato il 22/11/2010 09:33:07
VERGOGNA è il minimo che si possa dire, non è così che si fa cultura, dicendo che in Italia manca l'interesse per gli eventi artistici. Stare in fila per tre ore sabato pomeriggio per poi sentirsi dire che non è possibile entrare alla mostra di Dalì. Stessa sorte anche se si è prenotato, dando la colpa ai Vigili del Fuoco che per ragioni di sicurezza non fanno entrare più persone nelle sale. !!
Di Nick postato il 21/11/2010 12:20:41
Lo scopo della prevendita è evitare le code. Con questa "gente" aspetti fino ad 1h e 30m, ti passa davanti chi magari era due turni dopo. La mostra la vedi insieme al triplo dei gruppi che dovrebbero entrare. Pensata per 150 persone alla volta, è diventata una baracconata da 300. Consigliata a chi è lobotomizzato o ultra paziente. Ottima pubblicità per l'Expo2015. Italians fuck it up better
Di Sabrina postato il 21/11/2010 10:52:02
Accesso assicurato solo a gruppi e a biglietti prenotati.Gli altri boh!Che vergogna!Chi ha comprato prima ha ragione a voler entrare, ci mancherebbe! Ma se l'organizzazione sa di avere un tot di prenotazioni per quel pomeriggio e per sicurezza e incolumità possono entrare solo questo tot di persone allora o si chiudono i cancelli o si avvisa la gente che l'entrata non è assicurata.
Di Paola e Nicola postato il 16/11/2010 21:10:04
Partiti apposta da Venezia con grandissimo entusiasmo, scriviamo molto delusi: pochissime opere (solo un paio delle più famose) , mal esposte, pessima l'organizzazione con troppi gruppi sovrapposti e nessuna cordonatura a protezione dei quadri (tutti possono toccare). Sembra tutto finalizzato al cortometraggio per Disney, carino per carità, ma se si va per vedere i quadri la bocca resta asciutta.
Di vittoria postato il 15/11/2010 20:35:20
cosa dire.... organizzazione assente 4 ore di attesa al freddo e sotto la pioggia dalle 14 alle 18 senza nessuna indicazione sui tempi di attesa.Mancanza di tutto cartelli informativi personale inadequato.Le opere poche e malamente esposte. troppo al buio . deludente....
Di maia grazia bello' postato il 15/11/2010 09:52:02
la mostra mi è piaciuta molto ma l'organizzazione è decisamente scadente...
biglietti acquistati con ampio anticipo con prenotazione per le ore 10.30, siamo entrati ben un'ora dopo con spirito molto agguerrito e con l'entusiasmo smorzato dall'attesa di un'ora sotto la pioggia.... solo in Italia possono accadere queste cose!!!!
Di Rosella postato il 08/11/2010 17:55:00
io ho visto la mostra ieri, sono rimasta piuttosto delusa, 2 ore di coda per acquistare i biglietti, e le opere esposte sono poche, e mal illuminate, bisogna andare vicinissimo per vedere i numeri corrispondenti per le audiovisite. Dalì è famosissimo per le opere con gli orologi molli...ce ne era solo una.......
Di annachiara postato il 07/11/2010 11:16:51
io andrò a gennaio e sinceramente non vedo l'ora...secondo me sarà fantastico!!!
Di annahiara postato il 07/11/2010 11:15:38
io andrò a gennaio e sinceramente non vedo l'ora...secondo me sarà fantastico!!!
Di Rossana Sciacca postato il 03/11/2010 20:09:53
Che delusione! L'allestimento è scadente, I quadri sono al buio, ci sono più video nella stessa sala con il risultato di avere audio soprapposto, cinque scolaresche delle elementari presenti contemporaneamente con una conseguente confusione indecente, senza che nessuno dicesse nulla. Il risultato è stato che non siamo riusciti a vedere quasi niente e siamo venuti apposta da Genova! Complimenti!
Di marialaura postato il 01/11/2010 16:56:27
Dalì è sempre da urlo! cmq mancano tantissime opere tra le più rappresentative la selezione lascia desiderare.L'allestimento scadente tavole lasciate al buio o inguardabili x luci riflesse ,pannelli bucati e barcollanti la sorvaglianza preoccupata per evitare foto ma noncurante se qualcuno toccava le opere,peccato un'occasone persa...
Di Cecilia postato il 12/10/2010 16:23:53
Una mostra con una grande e interessantissima selezione di quadri che raccontano tutto il percorso del pittore. Bravissime le guida.
Di Redazione Milanodabere.it postato il 12/10/2010 12:54:30
@Bea: la redazione di Milanodabere.it lavora per offrire quanto di meglio possibile ai suoi lettori. Garantire competition di livello dipende dall'impegno nostro e di chi organizza e promuove eventi. Non sempre riusciamo a trovare disponibilità o si giunge a un accordo. Ti ringraziamo per il tuo commento, ci dimostra quanto siate attenti e fiduciosi verso Milanodabere.it
Di Redazione Milanodabere.it postato il 12/10/2010 12:47:36
@Stefano: comprendiamo il disagio, se siete un gruppo vi consigliamo di prenotare una visita guidata. È una mostra di richiamo, le code ci sono e, guardando il lato positivo, testimoniano un interesse verso l'arte che al giorno d'oggi non scontato. Felice Dalì!
Di elisabetta potthoff postato il 11/10/2010 18:53:05
Mostra la lingua!
'Montre ta langue!' si sentiva dire il piccolo Dalì dalla governante francese che voleva esaminare la lingua del piccolo per sincerarsi del suo stato di salute. La 'persistenza della memoria' ha poi fatto in modo che il pittore dipingesse la lingua in forma di orologio (montre) dimostrando come gli arcani delle sue tele siano legati a remoti e inconsci momenti dell'infanzia.
Di elena postato il 11/10/2010 00:18:58
dirò qualcosa di più dopo il 17/9,quando andrò a vedere la mostra.e sinceramente non vedo ora.deve essere qualcosa di eccezio
Di Paolo Bruno postato il 07/10/2010 14:54:22
Concordo che tutti i vari commenti legati al problema "prezzo".
Purtroppo l'arte, soprattutto quella d'autore, in Italia è qualcosa destinato a pochi. Bisognerebbe fare in modo che la gente possa godere dell'arte, del bello.
E ha ragione Stefano, l'organizzazione lascia sempre a desiderare.
Di Silvia postato il 04/10/2010 21:23:20
Scusami Bea ma non vedo perchè voi di Milano che già beneficiate della possibilità di uscire da casa e vedere una mostra del genere non dovreste pagare mentre i poveri extra territoriali devono sborsare le spese del viaggio arricchire le tasche di bar e ristoranti milanesi e pagare il biglietto... ? Resta il fatto che sono daccordissimo sulla gratuità per gli studenti, una vergogna italiana.Silvia
Di Bea postato il 03/10/2010 22:32:25
Capisco che le mostre costino tanto pero' il comune dovrebbe ogni tanto premiare i residenti a Milano con sconti reali omaggi etc, perche' dobbiamo sempre pagare tutto oltre alle tasse? Sarebbe bello che milano da bere card aprisse piu ' competition su mostre come quella di dali che per cantanti sconosciuti, purtroppo 9 euro sono tanti per una famiglia intera da sborsare :(
Di Stefano postato il 03/10/2010 01:30:27
chiedo un'informazione di carattere logistico,l'ultima mostra che ho visto è stata quella di caravaggio durante il ponte del 2 giugno e mi sono fatto 4 ore di coda arrivando mezzìora prima dell'apertura,venendo a veder questa in settimana dite che si trova tutta quella coda? perchè venivamo da padova e per ridurre i costi faremmo tutto in giornata
Di Giulia postato il 01/10/2010 22:07:54
stupendo..non vedo l'ora di andarci..però io come studente non sopporto di dover pagare 10 euro per vedere una mostra d'arte...chissà perchè in molti stati europei non fanno pagare nè l'entrata alle mostre nè ai musei..non è una cosa concepibile..e già 10 euro sono pochi rispetto ad altre volte! e chi vive d'arte è costretto a pagare per vedere ciò che ama...
Di Omar postato il 27/09/2010 17:50:17
Prezzo?
Di martina postato il 26/09/2010 13:37:09
è un grande dell'arte..spesso ho provato una grand eebrezza a dipingere i suoi capolavori..si..è geniale!
Di max postato il 18/09/2010 14:17:44
Finalmente lo posso ammirare a milano!!!
Mi piace talmente tanto che ho i baffi come lui :-)
Di Giuliana postato il 18/09/2010 12:37:42
non ci credo...quando ho visto la pubblicità, tra poco svenivo.. lo amo a tal punto da essermi fatta tatuare la sua firma sul braccio, a ottobre andrò a figueres per l'ennesima volta...non mancherò a Milano...non vedo l'ora!
Giuliana da Palermo
Di Andrea postato il 01/09/2010 17:19:03
finalmente la genialità pura e complicata arriva a milano!
Di ap postato il 31/08/2010 12:24:59
Ecco il sito ufficiale http://www.mostradali.it/
Di Arianna Vailati Canta postato il 08/07/2010 20:16:56
Dalì è geniale e folle e per questo mi piace, è il maestro di tutti noi esseri imperfetti e folli.
Dalì è l'essenza della creatività.
acquisisci nuovi clienti
con milanodabere.it

Dove si trovaPalazzo Reale

Piazza del Duomo
20121 Milano (MI)
Punti di Interesse nelle vicinanze
Milanodabere.it fornisce news, approfondimenti e foto su Salvador Dalì a Milano.

Testata Giornalistica Online
Registrazione al Tribunale di Milano n. 414 del 20/12/2013
Direttore Responsabile Elisabetta Canoro
Copyright 2014 Milanodabere Srl | CF/P.IVA 08239100962
Pubblicità
Chi siamo
Lavora con noi
Privacy, Disclaimer
Inglese
Vesione Mobile, Ristoranti, Locali, Arte, Mostre, Concerti, Strutture, News, Menu, Argomenti, Artisti