Festival Gran Festival del Cinema Muto a Milano

Quinta edizione, cinque location, un solo protagonista: Alfred Hitchcock

ATTENZIONE: Evento scaduto
«La mia missione nella vita? Semplicemente far emergere l'’inferno che c'è dentro le persone.»
La quinta edizione del Gran Festival del Cinema Muto prende vita sotto il segno del brivido: la manifestazione cinematografica che coinvolge diversi spazi in città è infatti dedicata al maestro Alfred Hitchcock

Se ne ripropongono in particolare alcuni capolavori degli anni Venti, sei dei suoi nove lungometraggi muti, tutti proiettati in edizioni restaurate e accompagnati con musica dal vivo. Si apre al Dal Verme con The Manxman, precursore di altri titoli del regista, come Vertigo. Si prosegue all'Oberdan con - tra gli altri - Blackmail e The Lodger, ispirato al personaggio di Jack lo Squartatore e considerato dallo stesso Hitchcock il suo primo vero film, tanto che lo firmò con la prima delle sue apparizioni poi divenute celebri.
 
La raffinata pellicola The Ring va in scena al Politecnico giovedì 18 settembre, mentre il 28 settembre il festival si sposta al MIC con la commedia caustica The Farmer's Wife (a ingresso libero). Speciale l'evento che si tiene al Museo del Novecento: una conferenza (anche questa a ingresso libero) sui rapporti fra il cineasta e Bernard Hermann, il grande compositore newyorkese autore delle colonne sonore di alcuni dei più celebri lungometraggi del mitico Hitch.