Concerto Roberto Vecchioni a Milano

Sogna ragazzo sogna. Una serata con il Prof per MITO Settembremusica

ATTENZIONE: Evento scaduto
«De André era l'unico poeta della canzone d'autore. Gli altri, me compreso, con l'eccezione forse di Guccini, sono bravi, ma non poeti»
Il prof che forse tutti vorrebbero. Una voce inconfondibile che canta la storia. Il 19 settembre al Teatro Carcano è di scena Roberto Vecchioni, che per l'occasione racconta il suo rapporto con le nuove generazioni tra considerazioni, canzoni, citazioni e ricordi. Una lezione con tante cose da imparare, come ogni suo testo, da quel Sogna ragazzo sogna che rappresenta più di una sola generazione. Piena di umiltà, come il prof sa essere, di spinte soprattutto nei confronti di quei giovani a cui è tanto affezionato (al punto da apparire in cattedra anche nei talent show della TV commerciale, chi l'avrebbe mai detto) e di riferimenti e parole di stima verso gli altri cantautori che Vecchioni apprezza così tanto, come De André o Guccini.

Con la partecipazione di Gabriele Ferraris, la chitarra di Massimo Germini e con Bruno Maria Ferraro (voce recitante), il concerto diventa un vero e proprio show all'interno del cartellone di MITO Settembremusica, la manifestazione che si svolge a Milano e Torino in contemporanea e che vuole porre l'attenzione nei confronti della musica non solo classica, ma anche cantautorale, come dimostra questo appuntamento. Le luci, da San Siro, adesso si spostano al Teatro Carcano. Appuntamento il 19 settembre.
SCRIVI & VINCI CON LA COMPETITION
2 Biglietti Omaggio
Descrizione: Il grande cantautore Roberto Vecchioni metteva le Luci a San Siro, uno dei simboli di Milano. Dove mettereste voi, invece, le luci, nella nostra Milano? A quale monumento, piazza, via, teatro volete dare importanza e perché? Luci a... Due biglietti per il concerto al commento più interessante.
Scadenza: 16/09/2014 alle 23.59
Visualizza tutte le Competition
COMPETITION SCADUTA
Ha Vinto: Rds
Commento: Mi piacerebbe che venisse valorizzata di più piazza Tommaseo, in zona Conciliazione. Tra la chiesa di Santa Maria Segreta, una bella villa in stile Liberty che si affaccia accanto, la magnolia al centro della piazza e l'Istituto Marcelline come quinta teatrale, in questa piazza si respira un'atmosfera particolare, di grande quiete. Questo luogo ha davvero un'eleganza discreta, un fascino non ostentato, tipico di MIlano: consiglio di andarci la domenica mattina, né presto né tardi, quando i milanesi, ormai svegli, portano a spasso i cani, escono a comprare le paste, si fermano a leggere i giornali sulle panchine della piazza. E' un luogo che vi stupirà nella sua raffinata semplicità...
Presenti 30 commenti.
LA ROTONDA DELLA BESANA
Di SALVATORE postato il 16/09/2014 20:26:04
Accenderei una luce sulla rotonda della Besana, monumento ricco di storia che anche tanti milanesi non conoscono... andrebbe valorizzato e si dovrebbe insegnare ai ragazzi di oggi quello che è stato e che significato ha avuto nel tempo....
LUCI A....
Di ESTER postato il 16/09/2014 20:22:59
Vorrei illuminare ogni angolo di questa città. Accenderei luci su tutti quei monumenti meno famosi rispetto al Duomo o altri ma non per questo meno interessanti e pieni di storia e meraviglie artistiche...
I sorrisi della gente
Di Anna Flavia postato il 15/09/2014 17:14:43
Il monumento più importante della nostra Milano penso sia la gente. La gente che ha scelto questa città per una strana coincidenza del destino o perché l'ha fortemente voluta. Chi non ha mai abitato in questa città la definisce grigia, priva di arte, solo business, lavoro lavoro lavoro. Ragion per cui io metterei le luci ai sorrisi delle persone, che sono più di quanto gli altri possano immaginare. I sorrisi che ravvivano un incontro, i sorrisi di chi è consapevole della propria visione della vita, i sorrisi di chi ama Milano ed è felice di essere qui.
Piazza Tommaseo
Di Rds postato il 15/09/2014 15:29:19
Mi piacerebbe che venisse valorizzata di più piazza Tommaseo, in zona Conciliazione. Tra la chiesa di Santa Maria Segreta, una bella villa in stile Liberty che si affaccia accanto, la magnolia al centro della piazza e l'Istituto Marcelline come quinta teatrale, in questa piazza si respira un'atmosfera particolare, di grande quiete. Questo luogo ha davvero un'eleganza discreta, un fascino non ostentato, tipico di MIlano: consiglio di andarci la domenica mattina, né presto né tardi, quando i milanesi, ormai svegli, portano a spasso i cani, escono a comprare le paste, si fermano a leggere i giornali sulle panchine della piazza. E' un luogo che vi stupirà nella sua raffinata semplicità...
La mia casa
Di paolo postato il 15/09/2014 09:45:30
E perchè non illuminare casa mia? La casa di un milanese qualsiasi che ama la sua città ma ne riconosce i mille difetti. La casa di uno dei tanti che corrono alla mattina per andare a lavoro, corrono nella pausa pranzo e corrono alla sera per rientrare in famiglia. "Così ci manteniamo in forma", che scusa banale! Illuminiamo il mio balcone con quel po' di verde che colora il grigio intorno e le macchie dei fiori chiari che attirano api e sguardi curiosi. Illuminiamo la vita di un milanese qualsiasi perchè siamo noi i veri protagonisti di Milano.
I nostri parchi
Di gabriella postato il 10/09/2014 15:42:15
Illuminiamo a giorno i nostri meravigliosi parchi, dal Sempione alle Cave, dal Lambro al Forlanini, passando per Trenno, MonteStella e tanti altri. Sono il nostro polmone verde, la nostra oasi nel deserto di cemento, smog, fumi. Tante volte li maltrattiamo, sporcandoli e trattandoli come la peggior cucina a cielo aperto. Non lasciamoli nel buio dell'inciviltà ma facciamoli splendere di luce come meritano.
speranza
Di iaia postato il 10/09/2014 14:15:12
farei in modo di lasciare sempre accese le navate del DUOMO in modo che le vetrate prendano vita e rallegrino un centro ormai degradato. Il Duomo è il simbolo di questa città .... sono i grandi che devono dare il buon esempio!
Lanterne simboliche
Di Anna postato il 07/09/2014 22:57:21
Io metterei delle luci a forma di lanterna o dei lumicini speciali ad ogni edificio di culto di Milano. Vecchioni magicamente aveva messo luci a quello spendido stadio che rappresentava un po la Milano di un tempo. Ottimo. Ora la Milano di oggi e' molto cambiata. Forse tante lucine simboliche ricorderebbero ad ognuno che passa, che i simboli ora sono tanti e diversi, ma che si trovan tutti insieme in questa Grande Milano. Sarebbe davvero bello poterlo fare.
Luci anzi fari
Di Paolo cova postato il 04/09/2014 18:57:28
Forse sarò un po' poco romantico ma io le luci, anzi i fari abbaglianti li metterei davanti alla casa di Pisapia, di tutti i consiglieri comunali e Casta Varia, per ricordare Loro che sono nostri dipendenti e sono pagati per fare i Nostri interessi e rendere la Città migliore e più vivibile per tutti, e non solo per Loro. so che non vincerò ma Milano con Loro sta morendo " Milano mia ,portarmi via , fa tanto freddo e schifo enon ne posso più" Paolo
luci per milano
Di domenica postato il 02/09/2014 20:10:01
Come decidere quale parte illuminare di Milano? E' una missione quasi impossibile perchè i luoghi potrebbero essere tanti. Allora bisogna lasciarsi trasportare dalle sensazioni .. illuminare il Duomo di notte? Bello ma scontato .. Piazza Della Scala? Ancora di più .. i navigli? Anche .. forse bisognerebbe cercare negli angoli della nostra mente un flashback, un'immagine .. credo che mi piacerebbe illuminare un artista di strada, un giocoliere, un pagliaccio che con il proprio naso rosso riesce ancora a far sognare i bambini con le proprie "magie". Probabilmente ci riporterebbe alla Milano che ci ha fatto crescere e diventare come siamo, dei veri sognatori.
un mito
Di emanuela postato il 02/09/2014 09:04:04
la storia di Milano passa per Vecchioni.....mito..leggenda...
Luci nei parchi
Di marta postato il 01/09/2014 15:58:36
luci calde e colorate nei parchi (come forlanini, idroscalo,..) per lasciare vivere queste serate ancora calde, in mezzo a bimbi che giocano, vecchi che chiaccherano e innamorati che passeggiano, vicino alla bella natura che tutto concilia.
carroponte
Di Nicolò postato il 01/09/2014 13:43:49
al carroponte, delle belle luci non ci starebbero male per valorizzare il luogo e renderlo stupendo
sottopassaggi
Di roxanne postato il 31/08/2014 14:43:42
Di luci a Milano ce ne sono fin troppe! Io illuminerei i sottopassaggi delle stazioni e le stradine buie ed isolate per permettere alle donne sole di ritirarsi da sole e senza paura!
La Casa dell'accoglienza
Di a.c. postato il 31/08/2014 10:56:00
Accenderei le luci sulla Casa dell'accoglienza di viale Ortles, l'ex dormitorio pubblico. È una struttura di cui i milanesi dovrebbero essere orgogliosi: dà ospitalità non solo ai senzatetto, ma anche a persone che, per le ragioni più disparate, si trovano in difficoltà, a cominciare dalla mancanza di un alloggio. Io ci sono stato per la prima volta lo scorso aprile, quando - in occasione dell'intitolazione della Casa dell'accoglienza a Enzo Jannacci - fu organizzata una grande festa, con tanti artisti (Vinicio Capossela, Paolo Rossi, Eugenio Finardi, Ricky Gianco, Mario Lavezzi, Mauro Pagani e tantissimi altri). E ho scoperto una struttura che offre non solo accoglienza, ma anche dignità: oltre ai posti-letto, ci sono infatti una mensa, un'infermeria, una biblioteca, un parco, un campo per giocare a pallavolo... Le luci dei riflettori sarebbero più che meritate: le accendiamo?
Milano
Di Dina postato il 26/08/2014 21:40:38
Milano è una seconda Parigi. Meravigliosi porticati e gallerie; tutta la città è di pietra bianca e dorata...la illuminerei tutta!!!
luci su di noi
Di mirella postato il 26/08/2014 21:39:10
Sarebbe bello avere solo per un minuto le luci puntate su di noi...due innamorati seduti in platea che adorano la musica di Vecchioni . Se devo scegliere un luogo è il tratto di strada senza auto che collega cordusio al castello Sforzesco.
milano
Di irma postato il 25/08/2014 17:17:32
IO le metterei vicino ai barboni del Corso vittorio Emanuele, per illuminargli la notte, una luce calda gialla che li riscaldi anche. Per ricordare che Milano non li sposta, non li ha mai spostati, per ricordare che Milano è, da sempre, la città dell'accoglienza, perchè Milan, "l'è un gran Milan"...
...geometrie...
Di Lucrezia postato il 25/08/2014 15:09:21
Piazza Cordusio. Un magico e preciso "sentiero" di luci per valorizzare e forse mostrare per la prima volta, ai tanti (che come me) attraversano a testa bassa da anni questa piazza, in lungo e in largo,una perfetta ellissi ...
Rho : presenza di un professore poeta!
Di angelo giussani postato il 20/08/2014 11:36:51
Rho: anni 80/90 ...musica in corsa per il successo . Vecchioni faceva lezione catturando le menti degli studenti nella loro spontaneita' e regalando loro il gusto di pensare attraverso le emozioni che non tramontano mai.Cultura classica che incontra la scuola ;eclettismo che non paga mai abbastanza! Angelo Giussani
illuminare la citta
Di FRANCy postato il 19/08/2014 18:42:12
tutti gli angoli bui della citta', dove si nasconde il degrado delle cose e delle persone emarginate!!!!....
Le Università...
Di Cecilia postato il 11/08/2014 12:01:52
Illuminiamo le Università... Luoghi di cultura, pieni di giovani e di futuro! Le luci dovrebbero illuminare tutte le Università di Milano... Luoghi in cui i giovani possono ancora sognare e dove il caro Roberto Vecchioni direbbe ad ognuno: "Sogna, ragazzo sogna!"
Parco Sempione
Di Daniela postato il 11/08/2014 11:57:41
Sono tanti i monumenti di questa mia città ed alcuni di questi sono anche romantici. Tra tutti penso proprio che sceglierei il parco Sempione con l'annesso Arco della Pace ed in fondo il Castello Sforzesco. Ecco metterei delle luci proprio lungo il viale tra questi due monumenti belli, importanti, che hanno fatto la storia della città. Il colpo d'occhio è sicuramente stupendo. Ed in mezzo il parco, dove tante coppie si ritrovano per avere momenti intimi a qualsiasi ora del giorno e della notte, attorniati dal fascino della storia, ma anche dalla pace e dal senso di benessere, che solo un parco può offrire soprattutto in questa città caotica! Ecco il romanticismo di "Luci a San Siro" può essere duplicato qui!
Comme a Paris
Di Sightseeing postato il 06/08/2014 22:51:05
Mi piacerebbe illuminare i due grattacieli gemelli di Piazza Piemonte, originalissimi edifici degli anni 30 molto parigini dalle cupole Art Deco. Un sapiente gioco di luci potrebbe dare un tocco raffinato a questi due palazzi che mi affascinano moltissimo con le loro forme ben abbinate al bel liberty del Teatro Nazionale.
la Milàn Lumière
Di Dabele postato il 06/08/2014 10:12:17
Credo che Milano pecchi un po' di romanticismo, molte aree eccessivamente illuminate a forte inquinamento ed altre perdute come il Giambellino o vissute solo di giorno come molti parchi Trotter, Parco Nord...si potrebbero creare delle romantiche passerelle ecologiche con illuminazioni a led su alcuni ponti e fasci di colore in alcune piazze che meriterebbero maggiori attenzioni del centro(piazza della borsa) e della periferia (bovisa, affori..)...scrivi Vecchioni, scrivi canzoni...
luci in periferia
Di massimo postato il 04/08/2014 23:23:39
Luci in periferia, avvicinarla alla città, renderla migliore, illuminare le strade, i parchi e le piazze della periferia così che con un salto breve si arrivi in centro...
bagno illuminato
Di maria grazia postato il 04/08/2014 11:59:23
Metterei le luci nei bagni pubblici per permettere di vedere cosa si fa...
Anche se
Di Chiara postato il 24/07/2014 11:14:47
Anche se non sono di Milano, la visito spesso visto tutto ciò che può offrire. Quando una nuova persona arriva in questa grande città, la prima cosa che vede sono le sue stazioni: affollate di giorno e deserte di notte. Hanno qualcosa di magico.....quindi luci alle stazioni
Milano
Di Leo postato il 19/07/2014 12:46:08
E' già bella così questa città. A volte troppo illuminata. Sarebbe bello, in alcune zone tipo Brera, o sui Navigli, abbassare un po' le luci, i volumi per rendere tutto più intimo e godere ancora meglio questa fantastica città.
Non il solito Naviglio
Di Anna postato il 16/07/2014 22:46:20
Io illuminerei un tratto specifico del Naviglio della Martesana. E' incredibile quando svoltando in un punto di un Viale così trafficato e disordinato come Viale Monza, improvvisamente appare un vecchio ponticello in pietra. Qui trovi acqua, alberi, un parchetto, alcune vecchie ville e case, orticelli lungo il canale, biciclette, persone che corrono e bimbi che giocano e ti immergi in una Milano diversa. E', non lontano dal ponte, il ricordo dei piccoli martiri di Gorla e di quanto inutile sia la guerra.