Concerto Ran Blake a Milano

Il pianista in concerto con Aaron J Hartley e Eden MacAdam Somer

ATTENZIONE: Evento scaduto

Maestro del jazz e della musica improvvisata, il pianista Ran Blake è una vera leggenda della musica americana contemporanea.

Allievo di Mary Lou Williams, vicinissimo a Thelonious Monk, direttore dello Third Stream Department al New England Conservatory di Boston, è un nascosto poeta solitario, creatore di un pianismo notturno, quasi suggestivo.

L'Aperitivo in Concerto in questione non è solo in sua compagnia, poiché si dividono con lui sul palco anche il trombonista Aaron J Harley e la violinista Eden MacAdam Somer.

Suggestione pura, al Teatro Manzoni, domenica 1 marzo.

Ran Blake

Ran Blake
SCRIVI & VINCI CON LA COMPETITION
2 Biglietti Omaggio
Descrizione: Notturno, così viene definito il pianoforte di Blake, qualcosa di suggestivo, fortemente evocativo, quasi nostalgico. Immaginate una colonna sonora al pianoforte di Blake, che accompagni le immagini di un luogo preciso, il vostro preferito, adatto a questa musica. Una città, un angolo della natura, il mare. Quale e perché? Due biglietti per il concerto alla risposta più suggestiva.
Scadenza: 24/02/2015 alle 23.59
Visualizza tutte le Competition
COMPETITION SCADUTA
Ha Vinto: Cristina Locati
Commento: Berlino é il mio grande amore. Di quelli che non si scordano mai. È la cittá che mi ha fatto cambiare punto di vista, prospettiva. Sorprendente come una grande diva. Malinconica come una donna che sa cosa vuol dire amare con passione. Frizzante come il primo bacio di una giovane innamorata. In perenne trasformazione, come me.
Presenti 16 commenti.
Milano in Bianco e Notte
Di Marco postato il 24/02/2015 22:35:11
Piazza della Scala deserta. Con occhio fotografico catturo le luci attento a ciò che di giorno passa inosservato. Lampioni, riflessi nelle pozzanghere, scatto l’immagine di un Tram. Una strisciata Sonora.
L'Hangar Bicocca di Milano
Di andy postato il 23/02/2015 13:58:31
Mi affascinano gli spazi abbandonati come le fabbriche dismesse e l'archeologia industriale dimenticata. Il "vuoto" dell'Hangar Bicocca, a Milano, è perfetto per far risuonare un pianoforte, il più completo e ipnotico degli strumenti musicali. E se lo suonasse Ran Blake, tanto meglio...
Nebbia d'estate
Di roberta postato il 23/02/2015 13:07:46
Il pavé sotto i piedi, più sotto ancora il mare. Le case di pietra illuminate dai lampioni giallognoli, in una notte d'estate. Una nebbiolina leggera che sale dal mare ad avvolgere i vicoli stretti, e noi. Sono i miei ricordi di Erice, gemma di pietra arroccata su di un monte, sopra Trapani.
I castelli di Appiano
Di Adriano postato il 18/02/2015 22:46:44
M'immagino, d'inverno, diversi secoli fa quando la luce artificiale non esisteva, il sole stava per tramontare e, d'improvviso un colpo di vento spegne anche quell'ultima flebile luce.. la candela.. E' notte, i lupi sono in agguato.., il freddo.. paura...
Dall'alto
Di Giulia postato il 18/02/2015 18:39:24
Dall'alto di un albero. In mezzo alle sue fronde protettrici. In un alba nascente, ancora scura. Uno sguardo distante sulla città, sulle sue gru, sulle sue guglie, ascoltando il risveglio dei pensieri dei suoi abitanti.
in volo
Di ena postato il 16/02/2015 18:06:21
..nell'attimo in cui un aereo si alza in volo, in quell'istante inafferrabile in cui avverti che non hai più terra sotto i piedi e senti le proporzioni cambiare, i pesi riequilibrarsi, e non puoi resistere alla voglia guardare giù, all'asfalto che compare, alle cose che diventano sempre più piccole
Il globo.
Di Titta postato il 19/01/2015 21:44:30
Esiste un luogo dove scorre un concentrato di vicende alcune allegre e splendenti altre toccanti e struggenti, per alcuni superficiali ed inevitabili per altri fruttifere e disoneste. Questo intruglio dall'alto apparentemente colorato in un globo continuano a chiamarlo ostinatamente " vita".
La cascata delle Marmore
Di Annina postato il 19/01/2015 11:47:52
Un luogo da sogno con una atmosfera surreale: la cascata delle Marmore, al momento del suono della sirena e dell'apertura delle ciuse. Il cuore si ferma in attesa dell'evento...attimi infiniti che precorrono lo stupore. Gli occhi non credono a quello che stanno vedendo: la natura incantata offre uno scenario da sogno. Quale migliore occasione per crogiolare i pensieri con una musica calda e avvolgente, che ti fa quasi toccare con mano il sogno in cui sei immerso???....fantasia che diventa realta'.
il mitico castello di Neuschwanstein
Di foresta nera postato il 09/12/2014 20:51:16
Una notte, una foresta innevata, un carro, un cavallo, luna piena, il freddo ed eccolo.. Il castello.. Bianco .. Proprio come nelle fiabe
Il Naviglio Grande
Di Loris postato il 02/12/2014 10:14:03
Li, sopra uno dei ponti che calvalcano il Naviglio Grande di Milano, tra persone che passeggiano veloci e innamorati che si trattengono per guardare le luci riflesse e magari per scambiarsi qualche bacio. E' un luogo speciale perchè rivela un aspetto romantico e rilassato di una città frenetica, un posto dove ho provato a recuperare un legame infranto, e anche se il risultato non è stato dei migliori mi ricorderà sempre che ci si può rifugiare per stare un pò in pace con sè stessi, in fuga dal mondo.
Bar della funicolare
Di martina postato il 23/11/2014 21:06:02
Oguno nella sua città dovrebbe trovare un luogo dove potersi rifugiare e da conservare per situazioni o persone speciali. La mia città è Bergamo e il mio luogo è il Bar della Funicolare in Città Alta. Da questo Bar è possibile vedere la mia città dall'alto e poter bere dell'ottimo vino. Sono venuta la prima volta con mio padre e da quel giorno mi sono innamorata di questo locale. E' un posto che ho riservato alle persone più importanti della mia vita. Ma alcune volte lo riservo solo per me, per poter raggiungere la mia tranquillità e i miei pensieri più profondi.
Nostalgia di un passato che non tornerà
Di Antonio postato il 21/11/2014 10:37:10
Il tramonto visto dal ponte di Alessandro III a Parigi perchè mi ricorda una storia ormai finita
Berlino
Di Cristina Locati postato il 24/10/2014 16:26:33
Berlino é il mio grande amore. Di quelli che non si scordano mai. È la cittá che mi ha fatto cambiare punto di vista, prospettiva. Sorprendente come una grande diva. Malinconica come una donna che sa cosa vuol dire amare con passione. Frizzante come il primo bacio di una giovane innamorata. In perenne trasformazione, come me.
Genova
Di Luisa postato il 06/10/2014 21:37:29
centro storico di Genova, con i caruggi cantati da De Andrè e dai Trilli, i nuovi abitanti e i vecchi marinai, i bassi e le case altissime che non hanno mai preso il sole
Trani
Di Leo postato il 29/09/2014 17:14:22
La cattedral di Trani, magari in una serata di ottobre, con un pizzico di maestrale, l'odore del mare a riempirti i polmoni, la visione di questa costruzione quasi sul mare, illuminata da qualche faro, in controluce. Chi c'è già stato saprà di cosa parlo.
The Iron Lady
Di Paolo Ottomano postato il 21/09/2014 23:53:06
Taranto, l'ILVA, il Mar Piccolo: se un pianoforte ne accompagnasse le ombre sul paesaggio, il loro destino sembrerebbe meno tragico. Perchè è quella la natura della mia città: the iron lady, che si tuffa ogni giorno nel mare e ogni notte la sua zavorra è più pesante.